menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coinvolto in un incidente mortale nel 2014, assolto il pallanuotista Edoardo Di Somma

Il Tribunale dei Minori ha assolto con formula piena il 19enne in forze nella Pro Recco: nel giugno di 2 anni fa era a bordo dello scooter che si schiantò contro un Piaggio guidato dal 34enne Manuel Rodrigues, morto in ospedale per le ferite

Assolto con formula piena: questo il verdetto emesso dal Tribunale dei Minori di Genova nei confronti di Edoardo Di Somma, il pallanuotista attualmente in forze alla Pro Recco che nel giugno del 2014 rimase coinvolto in un incidente tra scooter che portò alla morte del 34enne francese Manuel Rodrigues.

Il verdetto del processo di primo grado è arrivato in mattinata: nel corso dell’udienza conclusiva il giudice Cinzia Miniotti ha ascoltato la perizia dell’ingegnere incaricato di ricostruire la dinamica dell’incidente, e alla fine ha sposato la tesi difensiva dell'avvocato Simone Vernazza e del perito di parte Michele Troilo, secondo cui sarebbe stato lo scooter di Rodrigues a invadere la corsia opposta, assolvendo così Di Somma, oggi 19 anni, perché “il fatto non sussiste”.

I fatti risalgono al 2 giugno del 2014, quando Di Somma, allora 17enne e giovane leva della Rari Nantes Bogliasco, viaggiava a bordo di uno scooter in via Donato Somma, a Nervi, direzione levante. Dietro di lui c'era Giacomo Cocchiere, anche lui pallanuotista della Rari Nantes. Poco dopo l’1.30, all’altezza dell’incrocio con via Sant’Ilario, lo scooter guidato da Di Somma si scontrò frontalmente con uno scooter, risultato poi rubato, proveniente dalla direzione opposta, su cui viaggiava il 34enne Rodrigues. 

L’impatto era stato violentissimo, e i tre giovani erano stati portati d’urgenza in ospedale con diverse ferite e fratture. Di Somma e Cocchiere, dopo alcune settimane di degenza in ospedale, erano stati dimessi, mentre le condizioni di Rodrigues, ricoverato in Rianimazione, si erano aggravate e qualche giorno dopo il ricovero il suo cuore aveva smesso di battere. Sull’incidente era stato aperto un fascicolo, e Di Somma era stato indagato per omicidio colposo. A distanza di poco più di due anni, il verdetto di assoluzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento