Cronaca Apparizione / Via Monte Fasce

Drone sullo stadio, pilota trovato di notte sul Fasce: denunciato

Gli uomini della Polizia di Stato lo hanno individuato mentre faceva volare il drone con telecamera installata sul monte Fasce, nel corso di un servizio per prevenire furti nelle abitazioni sulle alture

Stavano svolgendo un servizio mirato per prevenire i furti in appartamento sulle alture, gli agenti che si sono imbattuti in un caso particolare di rilevanza internazionale.

È iniziato tutto quando l'attenzione dei poliziotti è stata catturata da alcune auto ferme in via Monte Fasce; i passeggeri dopo poco sono scesi in un dirupo, gli agenti si sono recati sul posto per controllarli, e hanno identificato un 35enne albanese residente in provincia di Milano, fermato mentre era intento a maneggiare un controller. Poco lontano, il suo drone con telecamera già installata.

Dai primi accertamenti è emerso che l'uomo era già stato arrestato nell'ottobre 2015, in Albania, poiché durante la partita Serbia-Albania (valida per le qualificazioni degli Europei 2016), disputata a Tirana, aveva fatto volare il suo drone sopra lo stadio con la bandiera della "Grande Albania", un fatto che aveva provocato rilevanti disordini di ordine pubblico. Inoltre, sempre nel corso di quell’arresto, l'uomo era stato trovato in possesso di una pistola illegittimamente detenuta e di 30 biglietti per la partita di ritorno.

Oltre a questi precedenti, è da sottolineare che il regolamento Enac esclude l'utilizzo di droni in orari notturni e in zone simili a quella del monte Fasce. Gli agenti hanno dunque sequestrato il drone con il controller, e hanno denunciato il titolare per violazione del codice della navigazione in quanto sprovvisto di specifico titolo. Inoltre l’indagato è stato allontanato dal comune di Genova con foglio di via obbligatorio del Questore.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Drone sullo stadio, pilota trovato di notte sul Fasce: denunciato

GenovaToday è in caricamento