menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggredita, picchiata e minacciata di morte: «Non portava il burka»

Una donna marocchina di 38 anni è stata vittima di molteplici aggressioni nei vicoli di Genova da una coppia di connazionali, la sua colpa era quella di non indossare il burka

Genova - Aggredita, picchiata e minacciata a morte per non aver indossato il burka, il velo islamico. L’incredibile fatto di cronaca è successo nel centro di Genova, nel quartiere della Maddalena.

Una donna marocchina, di 38 anni, sarebbe stata avvicinata più volte da una coppia di connazionali, marito e moglie, 49 e 40, che l’avrebbero aggredita riempiendola di botte e insulti, rea, a loro dire, di non rispettare la religione islamica rifiutandosi di indossare il burka.

I fatti dell’aggressione risalgono al 17 e 19 novembre 2012, ma solo ora la vittima ha trovato il coraggio per denunciare gli assalitori. Assalitori che non avrebbero agito da soli, visto che, dai racconti della trentottenne, alla rissa avrebbero partecipato anche altre persone.

Il pestaggio ha causato alla donna lesioni guaribili in cinque giorni, ma più di tutto la paura di uscire di casa, visto che ogni qual volta la coppia si imbatteva nella donna dava vita ad atteggiamenti violenti e minacciosi nei suoi confronti.

Immediatamente identificata la coppia di aggressori dai carabinieri della stazione Maddalena, i due dovranno rispondere di accuse gravissime: lesioni personali, ingiurie, percosse, minacce, ma soprattutto violazione della normativa in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa. Continuano invece le indagini per individuare i complici degli aggressori, tutt’ora sconosciuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento