Don Seppia presto libero, sarà affidato a una comunità

Il cardinale Bagnasco, che ha sospeso Seppia a dinivis, seguirà il suo percorso di reinserimento nella società e potrebbe decidere di ritirare il provvedimento

La Cassazione ha depositato le motivazioni della sentenza a carico di don Riccardo Seppia, precedentemente condannato a otto anni e mezzo sia in primo che secondo grado. La suprema corte ha accolto la tesi difensiva secondo cui la pena va ricalcolata.

Il 15 maggio l'ex parroco della chiesa dello Spirito Santo a Sestri Ponente sarà libero e verrà affidato a una struttura di accoglienza a Intra, frazione di Verbania, sul lago Maggiore. Il cardinale Bagnasco, che ha sospeso Seppia a dinivis, seguirà il suo percorso di reinserimento nella società e potrebbe decidere di ritirare il provvedimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Dal cibo all'allontanamento forzato: ecco perché non si possono aiutare le orche in porto

  • Orche in porto, interviene il Ministero: «Probabilmente sono malate»

  • Alimenti scaduti nel frigo del supermercato, multa da diecimila euro

Torna su
GenovaToday è in caricamento