Cronaca

Possesso e fabbricazione di documenti falsi, due arresti

In manette due persone, fratello e sorella di origini francesi, che avevano un totale di sette documenti falsi

Due persone, fratello e sorella di nazionalità francese, sono state arrestate dal nucleo Centro storico del primo distretto territoriale della Polizia locale per il reato di "possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi".

Il personale del nucleo aveva identificato l'uomo il 2 aprile scorso, presso l'appartamento dove si trovava, tramite una carta d'identità emessa dalle autorità francesi. Sul documento l'uomo risultava essere un 33enne di nazionalità francese, ma nato a Tambov, città della Russia occidentale. In realtà l'uomo aveva mostrato appena una foto della carta d'identità che custodiva sul cellulare. Gli operatori, però, anche così si sono resi conto che qualcosa non quadrava e hanno deciso di approfondire la situazione attraverso indagini specifiche.

Il proprietario dell'immobile del quartiere del molo risultava un cittadino francese di 43 anni, come da passaporto allegato al rogito notarile dell'acquisto della casa. La foto del passaporto mostrava proprio la persona che si era identificata con un nome diverso e togliendosi ben dieci anni di età. Così gli agenti sono tornati nella casa. In quell'occasione, lo straniero mostrava il documento precedentemente fornito solo in fotografia, sul cellulare. Il numero di serie  della carta d'identità risultava corrispondente a un documento francese rubato, intestato a un terzo nominativo.

L'uomo ha dichiarato di aver comperato il documento falso in Thailandia; alla richiesta del personale del nucleo Centro storico di entrare nella casa, negava l'autorizzazione e anzi faceva tutto quanto in suo potere per impedire l'accesso degli agenti i quali, insospettiti, dandone comunicazione al magistrato di turno e con l'ausilio dei colleghi del reparto Giudiziaria, hanno deciso di effettuare una perquisizione domiciliare. All'interno dell'appartamento hanno trovato anche un'altra carta d'identità falsa riconducibile alla sorella dell'uomo e i due sono stati arrestati.

L’ufficio falsi documentali del reparto Giudiziaria ha eseguto gli accertamenti tecnici su un totale di sette documenti riferibili agli arrestati (le due carte d’identità contraffatte, i due passaporti genuini e la patente di guida della donna e due carte di identità non più valide della cittadina francese) e ha prodotto la conseguente perizia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova prima della celebrazione dell’udienza per direttissima nel corso della quale gli arresti sono stati convalidati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Possesso e fabbricazione di documenti falsi, due arresti

GenovaToday è in caricamento