menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regione Liguria: disciplinare di allevamento per l'acquacultura

L'assessore Giovanni Barbagallo e il presidente di Legambiente Santo Gramatico hanno siglato una disciplinare per l'allevamento in acqua di orate e branzini

Nuove regole per l’allevamento in acqua di orate e branzini, in grado di garantire la qualità del prodotto, il rispetto dell’ambiente e la trasparenza delle informazioni ai consumatori. Sono contenute nel disciplinare di allevamento per un’acquacoltura di qualità che è stato firmato questa mattina dall’assessore regionale alla pesca e agricoltura, Giovanni Barbagallo, dal presidente di Legambiente Liguria, Santo Gramatico e da Roberto Co, presidente di Aqua, la società che gestisce l’acquacoltura nello specchio acqueo di fronte a Lavagna.

“L’obiettivo – ha spiegato l’assessore Barbagallo – è quello di prevedere all’interno del santuario dei mammiferi marini nel mar ligure un alto controllo dei trattamenti farmacologici, dello stato sanitario degli animali e una sempre maggiore attenzione all’ambiente, attraverso una serie di misure che garantiscano il benessere dei pesci e conseguentemente del consumatore finale. In questo modo rinnoviamo un intesa che avevamo già sottoscritto nel 2007 a favore di un’acquacoltura sostenibile a garanzia di salubrità del prodotto”.  

Dalla densità della popolazione animale, all’ossigenazione dell’acqua, alle caratteristiche dell’allevamento, senza dimenticare il controllo dei trattamenti per i pesci e dei mangimi somministrati. “Fattori – conclude Barbagallo - su cui Aqua si è impegnata, con Regione Liguria e con Legambiente,  ad esercitare un monitoraggio continuo per un prodotto sostenibile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento