Dinegro, esplode un'altra tubatura e la strada diventa un fiume

Qualche ora dopo il "geyser" fuoriuscito dall'asfalto davanti alla stazione Principe, un altro tubo si è rotto in salita Angeli sommergendo la strada ed entrando in cantine e portoni

Strade ridotte letteralmente a “colabrodo” nel capoluogo ligure: dopo l’esplosione di una tubatura in piazza Acquaverde, a Principe, che ieri sera ha trasformato l’area davanti alla stazione in una piscina, un altro tubo è esploso in tarda serata in salita Angeli, nel quartiere Di Negro.

In questo caso, il fiume d’acqua è entrato negli scantinati e nei portoni e ha costretto decine di persone a scendere in strada per sicurezza: sul posto i tecnici Iren, che hanno chiuso la tubatura principale per riparare il guasto. A Brignole invece il “geyser” di oltre un metro e mezzo che è fuoriuscito dall’asfalto ha allagato piazza Acquaverde scendendo in via Balbi e entrando addirittura in stazione, dove alcuni negozi hanno dovuto chiudere per il sopraggiungere dell’acqua.

Risolta l'immediata emergenza legata alla fuoriuscita d'acqua, la necessità primaria è quindi diventata quella di rifornire di acqua i residenti dopo la chiusura della tubatura: sono migliaia gli abitanti delle zone interessante a essere senza acqua da ieri sera, e i tecnici Iren, al lavoro dalle prime ore del mattino, hanno assicurato che la fornitura dovrebbe riprendere in zona Di Negro entro le 18, mentre a Principe è già in parte tornata. I disagi sono stati registrati a Di Negro e a San Teodoro, via Bologna, largo San Francesco da Paola e Mura degli Angeli comprese. Il Comune ha inviato autobotti per rifornire i residenti in una giornata che, pur con qualche nuvola, fa registrare ancora temperature alte.

VIDEO | A principe esplode un tubo, "geyser" di oltre un metro e mezzo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da parte dell’assessore Porcile, assessore comunale con delega al Ciclo delle acque, sono intanto arrivate conferme sull’intenzione di indagare sui numerosi episodi simili che si sono verificati nelle ultime settimane: l’ipotesi, su quelli di Principe e Di Negro, è che la rottura dei tubi sia dovuta alle alte temperature dei giorni scorsi e a un conseguente sbalzo termico, ma non si esclude che il guasto possa essere derivato dalla scarsa manutenzione e dall’usura dell’impianto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Genova, tutte le attività commerciali che sono aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus, 51 morti in un giorno. I casi positivi sono 2.329

  • Coronavirus, l'intuizione al Villa Scassi: apparecchiature da sub per testare l'efficacia dei ventilatori

Torna su
GenovaToday è in caricamento