rotate-mobile
Cronaca

Diga, la posa del primo cassone con Salvini: "Genova diventerà la porta sud dell'Europa al Mediterraneo"

La nuova diga di Genova inizia a prendere forma con la posa del primo cassone venerdì 24 maggio

La nuova diga di Genova inizia a prendere forma: durante il pomeriggio di venerdì 24 maggio 2024 è stato posato il primo cassone - un parallelepipedo a base trapezoidale alto 22 metri con due basi di 40 metri e largo 25 metri, adagiato alla profondità di 20 metri - nel cantiere in mare.

Alla cerimonia di inaugurazione, presenti Matteo Salvini ed Edoardo Rixi, rispettivamente ministro e viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Sono intervenuti anche Paolo Piacenza, commissario straordinario Autorità di sistema portuale, Marco Bucci, oltre che sindaco di Genova anche commissario diga foranea e tunnel subportuale, Alessandro Piana, presidente facente funzioni di Regione Liguria dopo l'arresto di Giovanni Toti, che si trova ai domiciliari. E poi Pietro Salini, ceo della società WeBuild che sta conducendo i lavori.

Il progetto: blocchi costruiti uno per volta per un anno e mezzo

Il primo dei 94 cassoni è stato dunque messo in posizione per essere affondato. Per l'occasione è stato anche presentato il progetto definitivo: i blocchi della nuova diga genovese saranno grandi come palazzi, alti 67 metri e larghi 33. Saranno tutti costruiti direttamente in mare nel cantiere di Vado Ligure, uno alla volta ogni quindici giorni per la durata di un anno e mezzo, e verranno trainati fino a destinazione. Dopo venti ore di navigazione, verranno messi in posizione per le operazioni di affondamento. 

A lavori terminati, nel 2026 la nuova struttura dovrebbe consentire le manovre di navigazione in sicurezza delle grandi navi di progetto, lunghe fino a 450 metri e larghe fino 65 metri, con riferimento in particolare ad accesso e uscita dalle aree portuali, evoluzione nell’avamporto, accosto e partenza dai terminal, transito nel canale interno.

"Genova sa cosa significa non arrendersi mai, dimostra ancora una volta che andare avanti e guardare al futuro è possibile - ha detto il ministro Salvini - In queste situazioni si vede più che mai che il lavoro di squadra fa la differenza, siamo qui oggi perché imprenditori della città hanno lavorato insieme. Che qualcuno non cerchi di dividere questa comunità operosa". E poi ha aggiunto: "Il ministro delle infrastrutture incontra degli imprenditori? Sì, è il mio mestiere".

"Essere presenti qui è un segnale importante per la città e per l'Italia - ha dichiarato il sindaco Bucci - Si tratta di un'opera che porta Genova ad affacciarsi ancora di più sul mare, a conquistare 3 milioni di metri quadri. Queste nuove aree dedicate alle attività economiche e commerciali saranno a beneficio di chi abita in città e in regione. La diga è il punto importante di una strategia che permetterà a Genova di diventare una città internazionale, la porta sud dall'Europa al Mediterraneo". 

A sottolineare l'importanza economica e strategica del progetto è stato anche il viceministro Rixi, che ha messo un focus sull'attenzione all'ambiente e alla sostenibilità dell'opera, grazie a tecnologie innovative e materiali ecocompatibili. "Il valore complessivo della nuova struttura è di 1,3 miliardi di euro, già finanziati. L'impatto positivo sull'economia ligure e nazionale sarà determinante. Si stima che avrà la capacità di generare un aumento del traffico portuale di circa il 40%, con la creazione di migliaia di nuovi posti di lavoro in settori strategici come logistica, industria e servizi". 

Parlando ancora di numeri, l'incremento stimato si aggira tra i 2 e i 3 milioni di Teu per Genova e altri 2 milioni di Teu per i porti del Nord Tirreno, con un beneficio economico complessivo di almeno 4,2 miliardi di euro, in termini di maggiori introiti da traffico container, di diritti e tasse portuali.

"Negli ultimi 25 anni il nostro Paese non è cresciuto - affonda l'amministratore delegato Salini -. Siamo saliti del 5%, contro il 30% della Spagna, perché non abbiamo investito. Senza infrastrutture non siamo competitivi nel mondo. Se non abbiamo materie prime dobbiamo guadagnarci spazio con altro". Salini ricorda con orgoglio la sua nomina di cittadino genovese onorario e poi aggiunge: "Ero insieme a Bucci e Toti per la costruzione del ponte, sento di poter dare del tu alle persone con cui ho lavorato e che ora reputo amici. Sono felice che oggi siamo qui, a varare la diga, contro tutti i gufi che ci hanno remato contro".

Piana: "Opera più importante degli ultimi 30 anni"

Come sottolinea Alessandro Piana, a rendere possibile la realizzazione dell'opera è stata l'approvazione del disegno di legge 179, che egli stesso ha voluto portare a compimento in consiglio regionale: "È una responsabilità politica a cui abbiamo voluto tenere impegno. Penso che in Liguria sia l'opera più importante degli ultimi 30 anni".

Il mese scorso, prima della bufera giudiziaria sulla Regione, quest'ultima aveva dato il via libera a una copertura finanziaria fino a 57 milioni di euro per la nuova diga, comparsa diverse volte nelle pagine dell'inchiesta che ha portato agli arresti del presidente della Regione, Giovanni Toti, e dell'ex numero uno dell'autorità portuale, Paolo Emilio Signorini.

Silenzio da parte degli altri grandi protagonisti del porto. Da non dimenticare il fatto che, in prima fila tra i più grandi sostenitori del progetto, è stato fin dal primo giorno l’oggi indagato Aldo Spinelli. A essere favorevoli a questo progetto, oltre al sindaco Bucci, commissario della diga e del tunnel subportuale, anche Gianluigi Aponte, armatore Msc, e gli altri imprenditori che, avendo in concessione le banchine del porto storico genovese, trarrebbero benefici nel poter ospitare navi di dimensioni pari a 20 mila Teu. 

Dall’altro lato della barricata è sempre stato l’imprenditore Giulio Schenone, che gestendo il terminal Psa-Sech dice di non aver bisogno della diga per far attraccare le grandi navi, potendole gestire nel terminal di Pra’.

Continua a leggere le notizie di GenovaToday, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale WhatsApp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diga, la posa del primo cassone con Salvini: "Genova diventerà la porta sud dell'Europa al Mediterraneo"

GenovaToday è in caricamento