menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Diga di Begato, proseguono gli sgomberi in vista della demolizione: tre denunce

Gli agenti della Locale hanno liberato 24 appartamenti, due dei quali occupati abusivamente o con allacci illegali alla fornitura elettrica

Proseguono gli sgomberi degli appartamenti nella Diga di Begato, in demolizione già a partire dalla primavera del 2020. Nei giorni scorsi la polizia Locale ha provveduto a liberare altri appartamenti, 12 agenti che hanno passato al setaccio 28 abitazioni sgomberandone 24.

Due appartamenti sono risultati occupati abusivamente: uno da un cittadino nordafricano (illegalmente presente sul territorio nazionale e denunciato) e da una cittadina romena, il secondo da un cittadino nordafricano con regolare permesso di soggiorno che, però, aveva manomesso l'impianto elettrico, e che è stato quindi denunciato per furto di energia elettrica. Altri due appartamenti non hanno potuto essere liberati, in un caso perché il residente ha gravi problemi di salute (sono stati quindi chiamati in causa i servizi sociali), in un altro perché l’occupante è agli arresti domiciliari, che scadranno però in settimana. 

Alcuni appartamenti erano invece ancora occupati da famiglie assegnatarie che non si sono ancora rivolte al laboratorio di ascolto messo a disposizione dal Comune per provvedere alla ricollocazione, mentre altri erano stati correttamente abbandonati. Allo sgombero hanno contribuito anche fabbri di una ditta esterna (per aprire le porte, comprese alcune tagliafuoco nei corridoi, che erano state chiuse a chiave), il responsabile della Direzione Politiche per la casa del Comune e un incaricato di Arte. Gli appartamenti sgomberati sono stati sigillati per impedire nuove intrusioni.

«Un altro provvedimento messo in campo per la vivibilità di Begato è stata l'installazione di telecamere di videosorveglianza - ha detto l’assessore comunale alla Sicurezza, Stefano Garassino - Gli sgomberi sono stati eseguiti a più riprese dal personale della polizia Locale che voglio ringraziare per l'impegno profuso per portare a termine questo grande progetto per la città».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento