Giovane genovese inventa gelato per chi ha il morbo di Crohn, Mattarella lo nomina "Alfiere della Repubblica"

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito 25 attestati d'onore ai giovani che si sono distinti come costruttori di comunità attraverso azioni di coraggio o solidali

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito 25 attestati d'onore di "Alfiere della Repubblica" ai giovani che si sono distinti come costruttori di comunità attraverso azioni di coraggio o solidali. Tra questi anche un giovanissimo genovese, Diego Costi, per aver inventato un gelato che, grazie ai suoi ingredienti e alle sue caratteristiche, può essere mangiato da chi è affetto dal morbo di Crohn.

Qui vi avevamo raccontato la storia di Diego, giovane “mastro gelatiere” di 15 anni che ha inventato il “Sunshine Flower”, un gusto che può essere mangiato anche da chi è affetto dal morbo di Crohn, una malattia infiammatoria cronica dell’apparato digerente che, tra i tanti disturbi, causa anche forti dolori e drastiche perdite di peso. 

Diego, che ha scoperto soltanto recentemente di essere affetto dal morbo di Crohn, ha presentato il suo gelato al Salone Orientamenti, in scena al Porto Antico nel mese di novembre. Il Sunshine Flower, approvato dai medici dell’ospedale pediatrico Gaslini, è arancione come il girasole da cui prende il nome ed è al gusto di mango, ma soprattutto contiene i nutrienti facilmente assimilabili da chi soffre di una malattia con cui bisogna imparare a convivere per tutta la vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

Torna su
GenovaToday è in caricamento