Cronaca

Denaro in cambio di protezione, genovese di 41 anni indagata per tentata estorsione

La donna vantava amicizie nelle cosche della 'ndrangheta, e chiedeva alle aziende denaro in cambio di protezione da furti, danneggiamenti e atti vandalici. Ora è nel mirino dei pm

Chiedeva denaro in cambio di protezione dalle cosche: per questo è finita nei guai una genovese di 41 anni che ora è indagata per tentata estorsione. Secondo i pm, Giuseppina Lanzo si presentava ai titolari delle attività commerciali dicendo di essere in grado di fornire maggiore protezione da furti, danneggiamenti e raid vandalici. Come? Esercitando la sua influenza su amici all'interno delle cosche della 'ndrangheta, delle gang di nomadi o anche sulle forze dell'ordine. Tutto ciò, naturalmente, a pagamento.

Tutto risale all'anno scorso, quando la donna si sarebbe recata nella sede di un'azienda che si occupa di smaltimento rifiuti e bonifiche ambientali in Valpolcevera: da mesi, la ditta subiva danneggiamenti, e Lanzo - come denunciato dagli stessi titolari alle forze dell'ordine - avrebbe richiesto la somma di ventimila euro (o, in alternativa, quote societarie) in cambio della sua intermediazione tra forze dell'ordine, cosche e nomadi.

La magistratura, che si sta occupando del caso, ha individuato almeno altre due persone che avrebbero aiutato Lanzo nelle sue richieste di denaro in cambio di "protezione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denaro in cambio di protezione, genovese di 41 anni indagata per tentata estorsione

GenovaToday è in caricamento