menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Delitto Sampierdarena, autopsia: dieci coltellate al volto e al collo

L'assassino ha massacrato le due vittime con una decina di coltellate al volto e al collo. Gli esami dicono anche che la prima a morire è stata la donna, probabilmente è stata lei a far entrare in casa l'assassino

L’autopsia effettuata ieri sui corpi delle due vittime della strage di Sampierdarena ha stabilito che la donna e il giovane Marcos sono stati massacrati con una decina di coltellate al volto e al collo.

L’esame necroscopico ha evidenziato che la prima a morire sotto i fendenti dell’assassino è stata la donna, solo in un secondo momento è morto il ragazzino, questo probabilmente aiuterà i militari nella ricostruzione di quanto accaduto, Marcos potrebbe essere rientrato da scuola nel momento sbagliato, quando l'assassino era ancora in casa.

L’ora del delitto potrebbe essere collocata tra le 14 e le 15. L’assassino, secondo una ricostruzione dei carabinieri, ha preso il coltello in cucina e l’ha usato come se fosse un pugnale, colpendo dall’alto in basso. Agli inquirenti quindi appare probabile che la donna conoscesse l’uomo che l’ha massacrata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento