rotate-mobile
Cronaca Bolzaneto

Strangolò la moglie, ergastolo per Salvatore Cannella

Uccise la moglie Marzia Bettino nella loro villetta a San Biagio. Tensioni tra parenti alla lettura della sentenza

Condannato all’ergastolo Salvatore Cannella, l'edile di 58 anni che il 27 luglio scorso aveva ucciso la moglie Marzia Bettino strangolandola con una corda nella dependance della loro villetta a San Biagio.

A emettere la sentenza è stata la corte d’assise di Genova, presieduta dal giudice Massimo Cusatti. Cannella, difeso dall’avvocato Fabio Strata, si trova dal giorno del delitto nel carcere di Marassi. I due figli della coppia si sono costituiti parte civile con l’avvocato Francesco Del Deo.

Esclusa l'aggravante della premeditazione contestata dal pm Panichi. I due figli risarciti con una provvisionale di 100mila euro ciascuno.

"Il fatto che sia stato riconosciuto l'ergastolo senza attenuanti vuol dire che vi è una piena capacità di intendere e volere riconosciuta da tribunale", ha commentato l'avvocato Francesco Del Deo fuori dall'aula. "Non so se questa è una consolazione per i figli perché forse se fosse stato incapace per i figli sarebbe stato più facile elaborare, vediamo le motivazioni, probabilmente verrà fatto appello e preferiremmo non essere in questa situazione pur con una condanna".

Prima che i giudici si ritirassero in camera di consiglio l'uomo ha rilasciato una spontanea dichiarazione: "Chiedo perdono alla mia famiglia, ai miei figli e a tutti quelli cui ho fatto del male. Non sono la persona che loro conoscevano fuori, non è colpa mia". Alla lettura della sentenza i parenti di Cannella hanno urlato e i genitori si sono scagliati contro il figlio: sono stati separati dai carabinieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strangolò la moglie, ergastolo per Salvatore Cannella

GenovaToday è in caricamento