Cronaca Centro / Piazza Raffaele de Ferrari

De Ferrari vietata ai clochard, sfrattati i senza tetto

Gli agenti della polizia locale impegnati in un'operazione anti-degrado sotto i portici del Carlo Felice dove trovano riparo le persone senza fissa dimora

Operazione anti-degrado a De Ferrari. Gli agenti della polizia locale, primo distretto, sono impegnati giovedì 17 gennaio, nello sgombero dei clochard sotto i portici del Carlo Felice.

In questa zona e in quelle limitrofe, le persone senza fissa dimora, trovano generalmente un riparo di fortuna dalla pioggia e dal freddo.

Secondo l'art.27 del regolamento di polizia urbana, in caso di bivacco, è prevista una multa di 200 euro, la cui applicabilità è decisa di volta in volta.

Gli agenti incaricati, durante il servizio, fanno alzare le persone avvolte nelle loro coperte o sdraiate sui cartoni e si accertano del loro stato di salute; se hanno bisogno di cure chiamano i militi del 118, in caso contrario procedeno all'identificazione. Spesso i clochard sono seguiti da una struttura di sostegno che è chiamata a intervenire. 

Questi operazioni hanno riscosso pareri contrastanti in città, soprattuto nei casi in cui sia scattata la sanzione. Stefano Garassino, ha spiegato queste misure come un'azione per rispondere alle numerovoli segnalazioni di degrado. 

L'assessore alla sicurezza ha anche ricordato l'esistenza di un regolamento comunale su igiene urbana e bivacchi, esistente da anni ma mai applicato e ha comunicato di aver avviato i percorsi necessari per aiutare le persone che chiedono assistenza.

C'è poi un'altra parte della città che promuove iniziative a tutela delle persone senza fissa dimora. La comunità di Sant'Egidio, ad esempio, organizza per la giornata di domenica 20 gennaio, una raccolta straordinaria di coperte e vestiti che possono essere consegnati in vico Sinope 26 R a Pegli. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Ferrari vietata ai clochard, sfrattati i senza tetto

GenovaToday è in caricamento