menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Darsena tra spaccio e degrado, blitz dei carabinieri: 80 persone identificate e 7 sanzioni

I militari della Compagnia di Genova Centro hanno effettuato un controllo nella zona dopo le segnalazioni da parte di alcuni pescatori e residenti

Spaccio “defluito” dall’area del centro storico, bivacchi, episodi di vandalismo e assembramenti: la zona della Darsena, tra il Porto Antico e il Museo del Mare, finisce nel mirino delle forze dell’ordine dopo diverse segnalazioni dei residenti e un esposto da parte dei pescatori su una situazione di generale degrado culminata con danneggiamenti alle barche ormeggiate.

Mercoledì sera i carabinieri della Compagnia di Genova Centro sono arrivati in zona proprio per verificare le segnalazioni, riscontrando la presenza di diversi spacciatori e tossicodipendenti che da qualche tempo hanno scelto la zona dietro il Galata per consumare principalmente eroina.

Il bilancio del controllo è stato di 80 persone identificate, sette segnalate per possesso di droga e altre sette sanzionate per violazione delle norme anti coronavirus, essendo stati trovati in gruppetti e senza mascherina.

«La inseriremo certamente tra le aree che necessitano di controlli costanti - conferma il comandante della Compagnia dei carabinieri Genova Centro, Michele Zitiello - il confronto con i cittadini è sempre utile per individuare situazioni di questo genere».

La zona della Darsena è al centro di un progetto di riqualificazione che punta proprio a valorizzarla. A dicembre sono arrivate le strutture di legno per contenere le reti, e si sta lavorando per la realizzazione del

Chiosco Fish Lab dell’associazione Pescatori liguri per la vendita e degustazione del pescato locale e al trasferimento dell’areagiochi per bambini nell’area limitrofa al Museo del Mare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento