Cronaca

Maltempo, verso lo stato di emergenza regionale: 1,5 milioni per le urgenze, danni per decine di milioni

L'assessore regionale alla Protezione civile Giampedrone fa il punto sui danni del maltempo e della mareggiata: "Nel 2018 abbiamo avuto un miliardo di danni strutturali, non c'è paragone"

La Liguria è pronta a dichiarare lo stato d'emergenza regionale per l'ondata di maltempo delle ultime tre settimane, con la Regione che metterà a disposizione 1,5 milioni per le somme urgenze. I documenti sono pronti e, tra stasera e domani, è attesa la firma del presidente Giovanni Toti.

"Mettiamo 1,5 milioni per le somme urgenze da fondi di protezione civile - conferma l'assessore Giacomo Giampedrone, a margine del consiglio regionale - se lo Stato ha messo cinque milioni per le calamità della Toscana, direi che siamo perfettamente in linea".

In settimana verranno anche ultimati i documenti, con una prima stima speditiva dei danni, per la richiesta di stato d'emergenza nazionale. "Per ora - precisa Giampedrone - partiremo con i danni al patrimonio pubblico. Contestualmente, apriremo anche la rendicontazione per il patrimonio privato, con le richieste che saranno raccolte dai Comuni, mentre le attività produttive dovranno riferirsi alle Camere di commercio".

Nelle ultime ore si è parlato di danni fino a 30 milioni. "Secondo me è meno - sostiene l'assessore - ho parlato di qualche decina di milioni di danni strutturali, contando le tre settimane di maltempo, nel complesso. Negli ultimi anni, abbiamo avuto emergenze con un miliardo di danni strutturali: nel 2018, erano un miliardo e abbiamo avuto 500 milioni di risorse. Stavolta il mare non ha buttato giù strade né dighe intere, ci sono solo danni puntuali. Non sono eventi paragonabili, oggi non abbiamo cittadini isolati".

Altra cosa per chi ha visto buttarsi giù un ristorante come è successo a Camogli, a Bogliasco con un chiringuito o ad Arenzano con un locale allagato e i vetri sfondati dalle onde: "Per lui questa è la mareggiata del secolo - rileva l'assessore - però le richieste danni, in questo caso, arriveranno in una fase di protezione civile secondaria. Stavolta, potrebbe essere che i danni al patrimonio privato superino quelli alle strutture pubbliche".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, verso lo stato di emergenza regionale: 1,5 milioni per le urgenze, danni per decine di milioni
GenovaToday è in caricamento