menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nel petto di un piccolo genovese batte il cuore di un bimbo greco

L'intervento eseguito a Torino per salvare la vita di un bimbo genovese di 18 mesi è tecnicamente riuscito. Il trapianto di cuore è stato reso possibile grazie alla donazione dell'organo da parte dei genitori di un bimbo morto a Patrasso in Grecia

Genova - È ancora presto per dirlo e la cautela è d'obbligo in questi casi. Ma l'intervento eseguito a Torino per salvare la vita di un bimbo genovese di 18 mesi è tecnicamente riuscito. Il trapianto di cuore è stato reso possibile grazie alla donazione dell'organo da parte dei genitori di un bimbo morto a Patrasso in Grecia.

 

Nicola, affetto da cardiomiopatia dilatativa e legato dallo scorso dicembre al cuore artificiale, è stato operato all'ospedale Regina Margherita di Torino per nove ore e mezza dall'equipe guidata dal professor Carlo Pace Napoleone.

«Nicola è in condizioni stabili e molto soddisfacenti», ha detto mercoledì 17 aprile 2013 il professore. Al momento la prognosi rimane riservata, come da prassi in questi casi.

Il bimbo, di madre russa e papà genovese, è ricoverato a Torino dal novembre 2012 ed era in lista trapianti urgenti da un anno. Presso il nosocomio torinese, Nicola ha dapprima ricevuto assistenza cardiorespiratoria con il sistema Ecmo, poi a dicembre gli è stato impiantato un cuore artificiale.

L'unica speranza per il bimbo di tornare a una vita normale era legata a un trapianto di cuore. Quando dalla Grecia è arrivata la notizia della donazione dell'organo, i medici torinesi sono volati letteralmente a Patrasso per prelevare l'organo.

Dopo i dovuti esami per accertare la compatibilità con il piccolo Nicola si è passati al lettino della sala operatoria. Nuovi bollettini medici permetteranno ora di seguire il decorso post operatorio del piccolo. Al suo capezzale da novembre la mamma e la nonna.

Papà Vincenzo, 45 anni, ha mantenuto finora il suo lavoro a Genova, dovendo così compiere un vai e vieni continuo per stare vicino al suo piccolo. Ma ora le cose sono cambiate. «Resteremo qui - dice Vincenzo - per consentire al nostro bimbo di completare il recupero, che sarà lungo. Ma finalmente vediamo la luce in fondo al tunnel».

L'intervento è il secondo del genere nell'ultimo mese su un paziente tanto piccolo al Regina Margherita, dopo quello che ha salvato la piccola Emma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento