rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Centro Storico / Piazza delle Erbe

Paura in piazza delle Erbe, crollano calcinacci dal soffitto della scuola

L'episodio ha interessato la scuola Garaventa-Don Gallo, inaugurata nel 2014, e al momento chiusa a causa dell'emergenza coronavirus. Non si registrano feriti

La chiusura imposta dall'emergenza coronavirus ha evitato che qualcuno restasse ferito. La scorsa notte la scuola Garaventa-Don Gallo in piazza delle Erbe è stata oggetto di distacco di cartongesso, cemento e calcinacci, finiti davanti all'ingresso dell'istituto, da dove normalmente passano gli alunni.

La scuola è una delle più recenti della città visto che è stata inaugurata nel 2014. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale. I detriti sono stati rimossi da una ditta, che stava svolgendo lavori all'interno dell'istituto ed è stata anche allertata l'impresa che aveva eseguito i lavori.

Avviati accertamenti per chiarire cosa sia esattamente successo e se ci siano eventuali responsabilià per quanto accaduto, ripetiamo, fortunatamente senza provocare danni a persone.

«La Scuola Garaventa-Don Gallo - dichiara Maurizio Natale, segretario provinciale Partito della Rifondazione Comunista Federazione di Genova - ha subito gravi danni strutturali in conseguenza di un crollo sulla parte esterna dell'edificio. I genitori denunciano di avere fatto innumerevoli segnalazioni al Municipio Centro-Est, senza mai avere una risposta. Davanti a questi eventi, non possiamo che ribadire l'assoluta l'insensibilità delle istituzioni alle quali sono affidate le vite dei bambini che frequentano le scuole pubbliche, ribadisco pubbliche. Il Diritto allo Studio è sancito dalla nostra Costituzione, nonostante ciò abbiamo una giunta regionale che elargisce contributi alle famiglie che mandano i loro figli alle scuole private. Il Sindaco Bucci, ogni giorno ci propone una propaganda inaccettabile e lontana dalla realtà. La Genova Meravigliosa di Bucci è questa?  Una città abbandonata a se stessa, dove le periferie soffrono a causa dei disservizi, della mancanza di un progetto che renda partecipi i cittadini alla ricostruzione morale e fisica dei loro territori. Noi siamo convinti che solo attraverso il rispetto dei dettati fondamentali della nostra carta costituzionale, quali lavoro, sanità, diritto allo studio e antifascismo, si possa davvero ricostruire una società dove la giustizia sociale sia la sua stella polare. Sindaco - conclude Natale - ormai sono mesi che le chiediamo rispetto per la città di Genova e i suoi cittadini, lei è evidente che non conosce il significato della parola rispetto e questa è la vera sciagura che la nostra città sta vivendo. Non ci sarà mai pace senza giustizia sociale».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura in piazza delle Erbe, crollano calcinacci dal soffitto della scuola

GenovaToday è in caricamento