Crollo ponte Morandi: venti indagati, tra le accuse l'omicidio stradale

Svolta nell'inchiesta sulla tragedia del 14 agosto: la procura è pronta a inviare gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari a dirigenti, funzionari e tecnici ritenuti responsabili

Che fosse questione di giorni si era ormai intuito, ma soltanto giovedì mattina è arrivata l’ufficialità: sono una ventina le persone iscritte nel registro degli indagati per il crollo di ponte Morandi, tra cui spiccano i vertici di Autostrade per l’Italia (e la società stessa), di Spa (la controllata di Atlantia che si occupa di manutenzione e gestione dei tratti in concessione) e anche dirigenti e funzionari ministeriali. 

La conferma è arrivata dal procuratore capo Francesco Cozzi, che dalla mattina del 14 agosto ha preso in mano le redini dell’inchiesta insieme con il procuratore aggiunto Paolo D’Ovidio e i sostituti procuratore Walter Cotugno e Massimo Terrile: alle accuse ipotizzate inizialmente - disastro colposo e attentato alla sicurezza dei trasporti - si aggiunge quella di omicidio stradale plurimo, oltre che omicidio colposo in violazione delle norme anti infortunistica.

«Non chiedete i nomi - ha detto Cozzi ai giornalisti presenti a Palazzo di Giustizia - li conoscerete quando i diretti interessati ne verranno a conoscenza».

Certo sembra, però, che a ricevere l’avviso di conclusione delle indagini preliminari (fondamentale per convocare l’incidente probatorio) saranno gran parte delle persone inserite nella lista compilata dalla Guardia di Finanza e consegnata alla procura nei giorni scorsi: i militari delle Fiamme Gialle hanno compilato l’elenco tenendo conto di tecnici, funzionari e dirigenti che per gli inquirenti erano a conoscenza dello stato di ponte Morandi e avrebbero dunque responsabilità, perlomeno di natura omissiva, nel crollo.

Chi sono gli indagati per il crollo di ponte Morandi

Ci sono poi otto dirigenti di Autostrade: l’amministratore delegato Giovanni Castellucci, il direttore del Primo Tronco di Genova Stefano Marigliani e i suoi sottoposti Paolo Strazzullo e Riccardo Rigacci; il direttore centrale Operation Paolo Berti, Michele Donferri (direttore delle Manutenzioni), Mario Bergamo (l’ex direttore delle manutenzioni di Autostrade che per primo nel 2015 ritenne necessario l’intervento sul Morandi) e Massimo Meliani (responsabili ponti e gallerie).

Indagati i vertici dell'Unità di vigilanza del Mit, la struttura creata nel 2012 con compiti di controllo sui contratti, sulle tariffe e sui progetti: il direttore generale Vincenzo Cinelli e il suo predecessore Mauro Coletta; Bruno Santoro, capo Divisione tecnico-operativa della rete autostradale.

Coinvolti nelle indagini e iscritti anche tre ingegneri del Provveditorato ed uno dell’Ufficio ispettivo, propaggini del ministero sul territorio: il provveditore Roberto Ferrazza, che per primo dopo il disastro si è presentato dal pm Terrile per rilasciare spontanee dichiarazioni, più i suoi collaboratori Salvatore Bonaccorso e Giuseppe Sisca; Carmine Testa, capo dell'Ufficio ispettivo. L'elenco si chiude con altri quattro nomi con responsabilità minori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le accuse sono, a vario titolo, omicidio colposo plurimo, disastro colposo e omicidio colposo stradale plurimo. Non più contestato il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Coronavirus, individuato secondo cluster a Genova

  • Pré, donna accasciata a terra nel sangue: altro weekend di violenza in centro storico

  • Elezioni, prende forma il nuovo consiglio regionale: i nomi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento