rotate-mobile
Cronaca Camogli

Crollo cimitero Camogli: indagati il sindaco e i due predecessori

Nel registro degli indagati anche due dirigenti del Comune, responsabili dell’ufficio Lavori Pubblici

Verso il processo l'attuale sindaco di Camogli, Francesco Olivari, e i due predecessori, Italo Salvatore Mannucci e Giuseppe Maggioni, per il crollo del cimitero di Camogli, avvenuto il 22 febbraio 2021 quando finirono in mare circa 415 bare.

La procura di Genova ha indagato anche due dirigenti del Comune, responsabili dell'ufficio Lavori Pubblici.

I cinque iscritti nel registro degli indagati, per i pm Fabrizio Givri e l'aggiunto Paolo D'Ovidio, sarebbero responsabili del disastro perché avrebbero omesso di mettere in sicurezza la porzione della falesia su cui si trova il cimitero, già classificata a rischio elevato. 

Nel 2002, infatti, studi geologici, commissionati dallo stesso Comune, avevano evidenziato la necessità d'intervenire con l'installazione di tiranti a protezione della falesia. 

Le indagini hanno fatto emergere anche altri studi e testimonianze risalenti addirittura al 2000. Il pubblico ministero ha commissionato una consulenza a Claudio Scavia, docente dell'Università di Torino e ha chiesto al gip un incidente probatorio per il 20 ottobre.

Il tecnico dovrà stabilire le cause del crollo e se fosse prevedibile, visti gli studi commissionati nel tempo e gli allarmi lanciati dai residenti. Il perito dovrà anche stabilire se i lavori fatti nel tempo (l'ultimo era in corso proprio al momento del crollo) su commissione del Comune fossero idonei ad evitare il crollo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo cimitero Camogli: indagati il sindaco e i due predecessori

GenovaToday è in caricamento