menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finisce il viaggio della Costa Concordia: il relitto è arrivato nell'ex superbacino

Dopo 10 miglia e 12 ore di navigazione notturna la nave è arrivata al molo delle Riparazioni navali, dove verranno ultimate le operazioni di smantellamento e verrà definitivamente demolita

Dopo 10 miglia e 12 ore di navigazione notturna finisce il viaggio della Costa Concordia, iniziato lo scorso luglio con la partenza dall’isola del Giglio e l’arrivo nel porto di Pra’: la nave ha lasciato la diga foranea ieri pomeriggio, e questa mattina sono iniziate le operazioni di ormeggio nell’area dell’ex Superbacino del Porto di Genova, dove saranno ultimate le operazioni di smantellamento.

La delicata manovra che ha consentito alla nave di avvicinarsi al molo delle Riparazioni navali è iniziata questa mattina all’alba: trainata da 4 rimorchiatori, la Concordia ha imboccato l’ingresso a levante del Porto intorno alle 8 ed è entrata in retromarcia nel bacino con l’ausilio di altri due rimorchiatori che l’hanno avvicinata alla banchina. Le operazioni di ormeggio sono incominciate poco prima delle 11, con l’aggancio del primo spring di poppa, una fase che potrà dirsi completa soltanto quando anche gli altri 12 cavi verranno fissati.

Presente per sovrintendere alle operazioni anche il presidente dell’Autorità Portuale, Luigi Merlo, che su Twitter ha condiviso le immagini della manovra e osservando l’attracco ha espresso tutta la soddisfazione definendo l’operazione «una gran prova corale da parte del porto di Genova, delle autorità e dei servizi», mentre a dirigere le operazioni a bordo della nave c’era il capitano John Gatti, comandante dei piloti di Genova.

Il relitto era arrivato nel porto di Pra’ lo scorso 27 luglio, dove era stata alleggerita di 5.700 tonnellate di materiale, dagli arredi agli allestimenti interni, per raggiungere il pescaggio necessario per il trasferimento nell’ex superbacino. Il termine delle operazioni di smantellamento e riciclo di eventuali materiali di risulta è previsto per il 2016: prima la nave verrà trasferita nel quarto bacino di carenaggio, in un ambiente asciutto e segregato dove l’ex regina del mare verrà definitivamente demolita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    Il poeta Guido Gozzano e quelle mangiate alla "Marinetta" di Genova

  • Costume e società

    Cosa vuol dire "stanco"? Storia di un "falso amico" genovese

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento