rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Centro / Piazza Raffaele de Ferrari

Terzo valico, la protesta degli edili a De Ferrari

Cinquecento lavoratori sono partiti dal campo base di Trasta con otto camion e un mezzo pesante. Dopo il consiglio regionale di martedì 23 ottobre l'incontro con i consiglieri

Gli edili sono scesi in piazza per dire sì al Terzo Valico. I lavoratori, partiti intorno a mezzogiorno da Trasta (Genova), con due pullman, otto camion e un mezzo pesante, hanno sfilato lungo la città. Gli operai chiedono a gran voce la ripresa dei lavori nei cantieri al momento bloccati dal Governo. Da Roma entro fine mese, in base all'analisi costi-benefici, i tecnici dovranno esprimersi sul futuro della grande opera. 

Martedì 23 ottobre, in cinquecento hanno raggiunto piazza De Ferrari per un presidio sotto il palazzo della Regione. Dopo il consiglio regionale i rappresentanti sindacali incontreranno i consiglieri. 

Ad oggi i lavoratori edili impegnati sono 2.398 più cinquemila nell’indotto. «Vogliamo risposte chiare in tempi rapidi, ormai siamo fuori tempo massimo - ha spiegato Andrea Tafaria, segretario generale della Filca-Cisl Liguria - ci sono in ballo migliaia di posti di lavoro e non c’è chiarezza su un’opera come il Terzo valico che dovrebbe invece avere un consenso totale e condiviso da parte di tutte le forze politiche. Adesso basta, siamo pronti ad alzare la voce».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzo valico, la protesta degli edili a De Ferrari

GenovaToday è in caricamento