Pré: tra spaccio e timori, lo sfogo della neo-mamma: «Mai così difficile vivere qui»

Abitare in alcune zone del centro storico, nelle settimane in cui si affronta l’emergenza coronavirus, è diventato ancora più pericoloso: l’intervista alla giovane madre

«Ho un bimbo di 7 mesi, spesso con me ci sono i figli del mio compagno, i miei vicini sono persone assolutamente per bene e nella mia stessa situazione: abbiamo paura di uscire di casa».

Chiara (nome di fantasia per tutelare la privacy), ha 30 anni e vive in via Pré, cuore del centro storico, da ormai quasi due anni. Da 7 mesi è diventata mamma di un bambino, e in queste settimane anche lei, come il resto dei genovesi, dei liguri e degli italiani, si trova a fare i conti con l’emergenza sanitaria legata all’epidemia di coronavirus. E pur rispettando rigorosamente le disposizioni dell’autorità, la situazione nel quartiere l’ha spinta a limitare ancora di più le uscite.

«Lo spaccio è aumentato tantissimo e a ogni angolo ci sono capannelli di persone. Qualche giorno fa nel mio portone ho trovato due persone che fumavano crack, se non stanno in strada si rifugiano nei portoni - spiega Chiara - Per uscire di casa e andare a fare la spesa bisogna chiamare le forze dell’ordine: segnaliamo l’assembramento, loro arrivano, li fanno disperdere, e noi usciamo. Mi sono trovata più volte a urlare dalla finestra che non si può stare in strada e non si può stare così vicini, ma vengo ignorata come tutti gli altri residenti».

Della situazione in via Pré, e dello spaccio che prosegue nonostante le indicazioni anti-contagio del decreto Io resto a casa e dei numerosi interventi delle forze dell’ordine, se n’era già parlato. E Chiara, uscendo con il suo bambino anche solo per andare dal pediatra, l’ha sperimentato in prima persona, e con lei chi vive nella stessa zona e si è già mosso per presentare denuncia. 

«Devo dire che vivo qui da agosto del 2018, e abbiamo toccato il fondo. Chi spaccia sa bene che le forze dell’ordine sono impegnate, c’è meno gente in giro e lo spaccio avviene senza pudore: c’è il capannello di pusher, arriva il cliente, si scambiano la merce alla luce del sole e proseguono indisturbati nella loro giornata. Io ho scelto di vivere qui con i bambini perché al di là delle problematiche l’ho sempre ritenuta una zona vivibile, ma ultimamente esco il meno possibile».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Previsioni traffico estate 2020, un solo giorno da bollino nero

  • Polizia locale, concorso per 38 assunzioni a tempo indeterminato

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Avvinghiati a terra in un lago di sangue, divisi con lo spray al peperoncino

  • Tragedia a Pedemonte, 25enne morto in un incidente stradale

  • Ronaldo e Georgina di nuovo in Liguria: bagno a Portofino e cena a Paraggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento