Coronavirus, il Comune di Genova si attiva: smartworking e disinfettanti per i dipendenti

Il piano serve a tutelare i circa 5mila dipendenti comunali

Il Comune di Genova si attiva per far fronte all’emergenza coronavirus, predisponendo un piano di azioni a tutela dei circa 5mila dipendenti comunali.

Il piano, pronto da alcuni giorni, è flessibile e le misure saranno modulate in base all’evolversi della situazione, monitorata ora per ora. Oggi, martedì 25 febbraio, il piano è stato condiviso con i sindacati dall’assessore al personale.

Incrementare lo smartworking

Per prima cosa, si è deciso di incrementare lo smartworking, applicando le stesse modalità dello “smart red”, che si attiva in caso di allerta rossa per il meteo. Attualmente ci sono un centinaio di dipendenti che aderiscono al lavoro agile. Con la modalità adottata per l’emergenza, il Comune permette a 500 dipendenti – il dieci per cento del totale – di lavorare da casa.

Con l’emergenza coronavirus le pratiche per chiedere di poter lavorare da casa saranno accelerate. Sempre per ridurre le situazioni a rischio contagio, avranno la priorità per lo smartworking i dipendenti che, per raggiungere la sede di lavoro, devono effettuare lunghi spostamenti.

Disinfettanti e materiale per igienizzare

Agli sportelli delle anagrafi sono stati collocati dispenser di disinfettanti e ai dipendenti che lavorano negli uffici aperti al pubblico è stato consegnato materiale per igienizzare scrivanie e sportelli. Il Comune si è attivato anche per ottenere varie forniture di disinfettanti, mascherine e guanti, che per ora sono stati destinati ad alcuni nuclei di polizia locale più esposti al contatto con l’utenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Limiti all'affluenza del pubblico

Sono state anche decise misure per limitare l’affluenza del pubblico nelle strutture: alcuni cartelli indicano il numero massimo degli utenti per stanza, calcolati in base alla densità media di una persona ogni due metri quadrati. Gli ascensori devono viaggiare a metà carico. Ai dipendenti è stato spedito via mail il decalogo del Ministero con le buone pratiche per evitare il contagio ed è stato chiesto ai dirigenti di affiggerne una copia in ogni ufficio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Non rispettano tempi di riposo, pioggia di multe per autisti di mezzi pesanti

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento