Coronavirus, code al pronto soccorso, Toti: «Non serve, danneggiate voi stessi e gli altri»

«Mi segnalano persone in coda alle tende di protezione. Lo ripeto: se non avete febbre alta e seri problemi respiratori restate a casa. È il posto più sicuro per voi e per gli altri. Solo se i sintomi sono davvero severi, febbre sopra 38 e mezzo e problemi respiratori, chiamate il 112 o il 118»

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha lanciato, ancora una volta, l'appello a stare a casa e a non recarsi al Pronto Soccorso, se non con sintomi severi. 

«Da molti Pronto Soccorso - ha detto Toti - mi segnalano persone in coda alle tende di protezione. Lo ripeto: se non avete febbre alta e seri problemi respiratori restate a casa. È il posto più sicuro per voi e per gli altri. Solo se i sintomi sono davvero severi, febbre sopra 38 e mezzo e problemi respiratori, chiamate il 112 o il 118. Non andate al Pronto Soccorso per nessuna ragione legata a presunti sintomi di coronavirus, danneggiate voi stessi e gli altri».

«Genova e la Liguria dall’alto sono bellissime stasera - ha aggiunto - , anche perché finalmente i cittadini hanno capito e c’è poca gente in giro. Ho chiesto ai Sindaci di vigilare il più possibile per reprimere con la Polizia Municipale gli atteggiamenti sconsiderati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • La risposta ligure alle scarpe della Lidl? Ci pensa il comico Andrea Di Marco con il Movimento Estremista Ligure

Torna su
GenovaToday è in caricamento