menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da corso Italia a Sestri Ponente, in azione le pattuglie dei vigili col megafono: «Restate a casa»

Si intensificano i controlli da parte di Comune e Municipi per sensibilizzare le persone, soprattutto gli anziani, a restare a casa il più possibile: macchine della Locale intervenute in via Sestri e sui lungomare

«Attenzione, si invita la popolazione a restare a casa in ottemperanza al decreto del 9 marzo sull’emergenza coronavirus»: dove non arriva il buon senso arrivano le autorità, nello specifico la polizia Locale, che a Genova (ma anche in altri Comuni della Liguria) interviene per sensibilizzare la cittadinanza sulla necessità di restare in casa il più possibile e soprattutto di evitare gli assembramenti di persone.

Nelle ultime ore sono stati numerosi gli interventi della polizia Locale, da corso Italia a Sestri Ponente: pattuglie che, con il megafono, ricordano alle persone di mantenere la distanza di sicurezza di un metro e di non uscire a meno che non si tratti di situazioni di necessità, che si tratti di acquistare generi alimentari, di lavoro o di commissioni non rimandabili.

«Nonostante tutti gli appelli ci sono ancora diverse persone che non hanno capito la gravità della situazione e vagano senza scopo nelle delegazioni - spiega a GenovaToday l'assessore comunale alla Legalità, Stefano Garassino - Ieri è successo a Voltri e a Sestri Ponente, stamattina di nuovo a Sestri, dove numerose persone giravano senza motivo apparente. Quindi abbiamo intensificato i servizi delle macchine con altoparlanti per ricordare che c’è anche un risvolto penale per chi non ha motivi validi per essere fuori e vaga inutilmente in mezzo ad altre persone. Per ora sensibilizziamo e basta, poi i recidivi bisognerà punirli, perché mettono a rischio la salute pubblica e non è tollerabile che ci sia questo poco senso civico».

VIDEO | Sestri Ponente, vigili col megafono: «Niente assembramenti»

«Va segnalato - prosegue Garassino - che molte di queste persone erano proprio anziani, la categoria più a rischio, quidni è doppiamente rischioso, per loro e per gli altri. Fortunatamente abbiamo molti consiglieri e assessori municipali e cittadini che ci segnalano le situazioni, e abbiamo dato disposizione alla Locale affinché diano priorità a questo tipo di controlli con l'obiettivo di sensibilizzare le persone a restare a casa».

Oltre alla Locale, anche la polizia e i carabinieri stanno effettuando controlli per verificare che non si creino assembramenti e che le persone che circolano da quartiere a quartiere e da Comune a Comune abbiano la con loro l’auto-certificazione che attesta i motivi dello spostamento sulla lunga distanza, modulo che, al controllo, viene contro firmato dall’operatore e ritirato per evitare che venga riutilizzato. La polizia si è concentrata nelle scorse ore in particolare in corso Italia, dove con le belle giornate le persone si riversano sperando di poter passeggiare all’aria aperta. Il problema, come dimostrato domenica a Boccadasse e propri in corso Italia, è che le persone che scelgono corso Italia per passeggiare sono tante, e finisce per crearsi l’assembramento che si vuole evitare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento