Psicosi coronavirus anche a Tursi: il consigliere arriva con la maschera antigas

Seduta del consiglio comunale decisamente movimentata: oltre ad Alberto Campanella anche Guido Grillo ha sfoggiato una mascherina da chirurgo. Lavori interrotti prima per una richiesta di verifica delle condizioni sanitarie, poi per proteste su una consigliera con presunta febbre

Il consigliere Guido Grillo, 82 anni, era arrivato con una mascherina da chirurgo, di quelle che poco possono contro il virus ma ormai sono diventate introvabili. Alberto Campanella, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale, è passato allo step successivo: in Sala Rossa, per il consiglio a porte chiuse previsto per discutere del bilancio, si è presentato con una maschera antigas.

Nel giorni in cui è entrata in vigore l’ordinanza regionale che stabilisce i provvedimenti per far fronte all’emergenza coronavirus, Campanella è stato immortalato da un altro consigliere presente mentre, foglio alla mano, è seduto al proprio banco con il viso parzialmente coperto da una maschera anti esalazioni utilizzare solitamente sul lavoro. Perfetta per evitare di inalare sostanze chimiche, praticamente inutile per proteggersi dal virus cinese.

Campanella non ha dichiarato ufficialmente i motivi che l’hanno spinto a indossare la maschera antigas (timori per la propria sicurezza o polemica), ma quello di lunedì è stato, di certo, un consiglio comunale decisamente movimentato: l’opposizione ha chiesto a gran voce un’interruzione dei lavori, all’inizio, per una verifica delle condizioni igienico sanitarie dell’aula e per accertare le condizioni di salute dei consiglieri e dei dipendenti comunali, con conseguente polemica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appena domata la prima discussione, ne è partita un’altra quando il consigliere del Movimento 5 Stelle Luca Pirondini ha protestato per la presenza di una persona «con la febbre» tra i banchi dei consiglieri. A quel punto è intervenuta la consigliera leghista Francesca Corso, che ha assicurato di «non avere febbre» e ha suggerito che le venisse portato un termometro «per misurarsela». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Lite fra vicini di casa degenera, due feriti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento