menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ucciso dalla Banda dei Genovesi, commemorazione a Marassi per il brigadiere Volpi

Era il 12 ottobre del 1977 quando sulla rampa di Genova Est i membri della banda aprirono il fuoco per tentare di far evadere Cesare Chiti: il militare morì in ospedale per le ferite riportate durante la sparatoria

Le massime cariche militari della regione si sono riunite sabato mattina nella cappella del Comando Legione Carabinieri Liguria per la commemorazione del 41esimo anniversario dell’uccisione del brigadiere Ruggero Volpi, Medaglia d’oro al Valor Civile.

Alla cerimonia hanno preso parte anche il vice prefetto vicario e il questore di Genova, Sergio Bracco. Dopo la messa in suffragio, il generale di divisione Paolo Nardone, comandante della Legione Carabinieri Liguria, ha deposto una corona d’alloro ai piedi della targa commemorativa affissa all’interno della Stazione Carabinieri di Genova Marassi, il Comandante della Legione Carabinieri che ricorda il sacrificio del sottufficiale.

Il brigadiere Volpi, il 12 ottobre del 1977, era a capo della scorta che stava accompagnando dal carcere di Genova a quello di Trani il detenuto Cesare Chiti, uno dei fondatori della Banda dei Genovesi insieme con Marietto Rossi. 

All’imbocco della rampa autostradale di Genova Est scattò l’agguato del resto della banda per tentare di farlo evadere, un blitz che culminò in una sparatoria: Ruggero Volpi rimase ferito, insieme con l’autista del mezzo e a un carabiniere: due settimane dopo morì a causa delle ferite riportate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento