Comandante scomparso, ricerche con i cani a bordo. Ma nessun indizio

Ancora nessuna traccia utile a capire che cosa sia successo a Juri Kharytonov, il 54enne di origini ucraine di cui si sono perse le tracce durante la navigazione della Msc Giannina

Nessuna traccia, nessun indizio, nessun elemento utile (per ora) a capire che cosa sia successo a Juri Kharytonov, il comandante del cargo Msc Giannina, scomparso mentre la nave era in navigazione tra Gita Tauro, in Calabria, e Genova.

Neppure i cani molecolari sono riusciti a fornire agli inquirenti un aiuto per risolvere quello che è di fatto diventato un giallo: saliti a bordo della nave (ferma e sotto sequestro nel porto di Pra’) mercoledì sera insieme con gli agenti della Squadra Mobile, della polizia di frontiera e della Capitaneria di Porto, i cani hanno setacciato ponti, cabine, sala comando, stiva e sala macchine, ma non hanno fiutato nulla che si sia rivelato utile per le indagini.

Che cosa sia accaduto al 54enne di origini ucraine, dunque, resta ancora un mistero: i 21 membri dell’equipaggio, anche loro originari dell’Ucraina, più volte ascoltati non hanno saputo fare altro che ripetere che il comandante è stato visto per l’ultima volta nel pomeriggio di giovedì 19 ottobre, quando la nave si trovava più o meno all’altezza di Salerno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La finestra temporale della scomparsa è stata ristretta al periodo che va dalle 19 di giovedì alle 4 di venerdì mattina, arco di tempo in cui, secondo gli investigatori, Kharytonov sarebbe finito in mare aperto. Se vivo o morto, o volontariamente o meno, non è al momento possibile stabilirlo: la moglie del 54enne, arrivata a Genova insieme con il figlio, ha ribadito più volte che il marito non aveva alcun problema e negli ultimi tempi appariva sereno, e ha fatto capire chiaramente di essere convinta che l’uomo sia stato ucciso. Gli investigatori non possono però escludere alcuna pista: è possibile che Kharytonov sia stato ucciso e il corpo gettato in mare, ma è anche possibile che possa avere avuto un malore e sia caduto da solo tra le onde, o che si sia trattato di un gesto volontario. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Bassetti: «Seconda ondata? Basta allarmismo»

  • Waterfront, avanti con i lavori: l'acqua inizia a fluire nel canale navigabile

  • Ronaldo e Georgina di nuovo in Liguria: bagno a Portofino e cena a Paraggi

  • Ruba una valigia in un'auto ma passa davanti al proprietario poco dopo

  • A7, chiude per 15 giorni la galleria tra lo svincolo A12 e Bolzaneto: le modifiche al traffico

  • Il primo giorno del ponte San Giorgio, tra code e qualche intoppo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento