Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Invasione di cinghiali, agricoltori in piazza

Alla manifestazione in piazza De Ferrari ha partecipato anche il vicepresidente e assessore regionale all'Agricoltura, Caccia e Pesca Alessandro Piana

Cinghiale in spiaggia a Vernazzola

Agricoltori in piazza in tutte le regioni per protestare contro l'invasione di cinghiali. A Genova gli aderenti a Coldiretti si sono dati appuntamento alle 9 in piazza De Ferrari. Al flash mob ha partecipato anche il vice presidente della Regione Alessandro Piana.

"Non è mai stato così alto l'allarme per l'invasione di cinghiali in Italia - dichiarano da Coldiretti -, animali che con l'emergenza covid hanno trovato campo libero in spazi rurali e urbani, spingendosi sempre più vicini ad abitazioni e scuole fino ai parchi dove giocano i bambini. Gli animali selvatici distruggono produzioni alimentari, sterminano raccolti, assediano campi, causano incidenti stradali con morti e feriti e si spingono fino all'interno dei centri urbani dove razzolano tra i rifiuti con pericoli per la salute e la sicurezza delle persone".

Nel corso della manifestazione è stato diffuso l'esclusivo dossier Coldiretti su 'Covid e l'assedio dei cinghiali in Italia', sui rischi per la sicurezza, l'ambiente e la salute e le proposte concrete per garantire la sopravvivenza delle aziende agricole e la tranquillità dei cittadini.

"Nel prossimo piano di sviluppo rurale come Regione Liguria destineremo sempre più risorse a tutela degli agricoltori e degli allevatori contro l'aumento incontrollato della fauna selvatica", ha detto questa mattina il vicepresidente e assessore regionale all'Agricoltura, Caccia e Pesca Alessandro Piana, partecipando al flash mob di Coldiretti.

"La proliferazione degli ungulati - spiega il vice presidente e assessore regionale all'Agricoltura, Caccia e Pesca Alessandro Piana - è un fenomeno nazionale di lungo periodo, frutto dell'abbandono progressivo degli areali agricoli meno produttivi, che si sono trasformati in boschi o macchia mediterranea, creando così le condizioni ottimali per la diffusione dei cinghiali. Anche nell'ultima Commissione Politiche Agricole si è discusso delle stesse problematiche in merito al sit-in odierno ipotizzando una strategia nazionale da perfezionare insieme ai Ministeri per arginare i problemi di incolumità pubblica, oltre a tutelare il lavoro di agricoltori e allevatori. Nella predisposizione del prossimo Psr (Programma di Sviluppo Rurale) Regione Liguria cercherà di destinare sempre più risorse per recinzioni, dissuasori e prevenzione".

Tra le linee richieste dai manifestanti: la possibilità per gli agricoltori di effettuare interventi nei propri appezzamenti coadiuvati dalle forze dell'ordine, da guardie venatorie volontarie, da cacciatori abilitati iscritti all'apposito registro regionale e l'estensione del calendario venatorio, poiché a oggi è lo strumento che dà maggiori risultati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Invasione di cinghiali, agricoltori in piazza

GenovaToday è in caricamento