Importavano e spacciavano cocaina, dieci arresti

La droga veniva acquistata in Germania e arrivava a Genova tramite la Francia. Due soggetti sono finiti in carcere, un terzo ai domiciliari e per altri sette è scattato l'obbligo di dimora

Alle prime ore del mattino di martedì 17 novembre 2020 la polizia di Stato, coordinata dalla direzione distrettuale antimafia della Procura di Genova, ha dato esecuzione a un'ordinanza emessa dal locale gip che dispone otto custodie cautelari in carcere, due misure degli arresti domiciliari e sette obblighi di dimora nei confronti di altrettanti soggetti di nazionalità italiana e albanese indagati, a vario titolo, per importazione e detenzione a fini di spaccio di ingenti quantitativi di cocaina, che veniva smerciata al dettaglio a Genova.

VIDEO | Prima dell'alba scatta il blitz

L'indagine, iniziata nel 2017, ha consentito di individuare due fratelli albanesi che si occupavano dell’importazione di cocaina dalla Germania in Liguria, sfruttando i contatti che intrattenevano con dei connazionali residenti in quel Paese; i due, utilizzando alcuni corrieri che, transitando attraverso la Francia, ove esisteva una base logistica in Costa Azzurra, trasportavano lo stupefacente a Genova, distribuivano la sostanza a una capillare rete di spacciatori, dislocata nel capoluogo ligure, che provvedeva al suo smercio al dettaglio.  

In particolare, i fratelli albanesi Alfred e Klodian Plloci contrattavano con i fornitori l’acquisto di stupefacente: provvedevano quindi a organizzare il trasporto della 'merce' nel capoluogo ligure, nascondendo la sostanza all’interno delle autovetture utilizzate per il viaggio. Altri soggetti, identificati nel corso dell’indagine e risultati coinvolti nello smercio di sostanze illecite, provvedevano allo smercio, interponendosi tra gli albanesi e i pusher, questi ultimi prevalentemente italiani.

Altro canale di approvvigionamento dei fratelli Plloci era rappresentato da altri due albanesi, alle cui dipendenze vi era Aurel Hasanaj, che si occupava della maggior parte delle consegne a Genova e che riforniva di cocaina la rete di pusher che operavano in varie zone della città: Hasanaj è tuttora ristretto nel carcere di Marassi poiché arrestato il 29 maggio 2019 a Genova, in quanto trovato in possesso di circa tre chili di cocaina.

I fratelli Plloci rappresentavano un canale privilegiato per l'approvvigionamento di cocaina fornita agli altri soggetti, i quali, come emerso nel corso delle indagini, potevano contare anche su canali diversi.

Particolarmente significativa è la figura di Riccardo Colella, tratto in arresto il 2 luglio 2019 a Genova, insieme alla compagna. La coppia, come emerso dalle indagini, era diventata un importante punto di riferimento dei fratelli Plloci, prestandosi sia a custodire lo stupefacente importato, sia a svolgere il ruolo di corrieri per il trasporto in Italia di droga, come documentato durante le indagini.

Durante le investigazioni, supportate da intercettazioni telefoniche e ambientali e servizi di osservazione, erano già stati eseguiti 18 arresti in flagranza. Gran parte dei provvedimenti restrittivi sono stati adottati nei confronti di soggetti che ricevevano lo stupefacente per la sua successiva immissione sul mercato; nel corso delle indagini, complessivamente, sono stati sequestrati circa 5 Kg di cocaina.

L’operazione di oggi ha consentito di disarticolare un fiorente e strutturato traffico di cocaina dall’estero all’Italia, che produceva ingenti guadagni per gli indagati i quali, come emerso dalle attività di intercettazione telefonica, erano intenzionati a reinvestire i proventi dell’illecita attività nel circuito legale: uno degli indagati, per esempio, voleva avviare una attività commerciale.

All’attività, oltre a operatori della Squadra Mobile di Genova e del Reparto Prevenzione Crimine Liguria, coadiuvati da quelli della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, ha preso parte anche personale della Squadra Mobile di Brescia.       

Le persone destinatarie delle misure sono: Adriano Fazzolari, chiamato “Adri”, nato il 24/07/1986 e Kliton Strazimiri, nato il 05/07/1991 a Bulqize Diber (Albania), entrambi destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere; Luca Pelizza nato a Genova il 07/08/1992, destinatario della misura degli arresti domiciliari.

Per altri sette è scattato l'obbligo di dimora. Si tratti di Alfred Plloci, nato a Fushe Kruje (Albania) il 24/06/1988, Riccardo Colella nato a Genova il 31/07/1974, Irene Ferlita nata a Genova il 12/12/1977, Daniele Di Mauro, nato a Genova il 20/08/1981, Aurel Hasanaj nato a Kote (Albania) il 02/10/1997, Alessandro Priano nato a Genova il 03/12/1979 e Alain Li Castri nato a Genova il 13/03/1982.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Il proverbio di Santa Bibiana, che "prevede" il meteo

  • A 116 km orari in corso Europa: patente ritirata e maxi multa

  • È arrivata la neve: le foto

  • Famiglia si schianta in autostrada, altro incidente sul Fasce

Torna su
GenovaToday è in caricamento