menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oltre 3 kg di cocaina nascosti nel furgoncino, arrestati corrieri della droga

I poliziotti della Squadra Mobile hanno pedinato per giorni due cittadini albanesi considerati elementi chiave di un'organizzazione attiva su larga scala

Più di 3 chilogrammi di cocaina nascosti nelle portiere del furgone e pronti per essere immessi sulla piazza di spaccio genovese. Gli investigatori della Squadra Mobile della questura, coordinati dal dirigente Marco Calì, li hanno scoperti nel corso di una perquisizione arrivata al culmine di settimane di indagini che hanno portato all’arresto di due cittadini albanesi di 30 e 35 anni, uno dei quali espulso dall’Italia almeno sino al 2022.

L’operazione è stata portata a termine sotto l’egida della procura di Genova e in collaborazione con gli agenti della Stradale, con cui gli investigatori della sezione Antidroga della Mobile hanno per giorni osservato, controllato e pedinato i due uomini tracciando i movimenti del Doblò che utilizzavano per spostarsi.

Alla fine sono entrati in azione quando a bordo del furgone c’era soltanto uno dei due, il 30enne Aurel Hasanaj: tre i panetti di cocaina trovati  nascosti nel portellone del furgoncino, mentre nell’appartamento che l’uomo condivide con l’amico e complice, il 35enne Meti Lika, ufficialmente commerciante di auto da e per l’Albania, sono stati trovati altri 50 grammi di cocaina e materiale per il confezionamento della droga.

Per i poliziotti, i due albanesi farebbero parte di un’organizzazione criminale che agisce su larga scala. Entrambi sono stati arrestati e trasferiti a Marassi, mentre procedono le indagini per collegare le maglie della rete di spaccio e risalire agli altri membri dell’organizzazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento