menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nervi: clochard preso a bastonate da una baby gang

I fatti risalgono alla notte del 14 dicembre. Quattro ragazzi e una ragazza sono stati ripresi dalle telecamere della stazione di Nervi mentre tirano petardi per poi prendere a bastonare Ettore Silvì, 'Il Conte', clochard molto conosciuto in zona

Genova - Non solo cassonetti incendiati, due volte, davanti alla stazione di Nervi. I fatti risalgono alla notte del 14 dicembre, ma sono stati resi noti solo ora. Come a volte capita quando fuori fa particolarmente freddo, alcuni senza tetto hanno trovato riparo all'interno della stazione ferroviaria. Fra questi anche Ettore Silvì, meglio noto come 'Il Conte'.

Il branco, quattro ragazzi e una ragazza, inquadrati dalle telecamere di videosorveglianza, hanno fatto irruzione all'interno dell'atrio della stazione aprendosi la strada con dei petardi, dei magnum reperibili più o meno in qualsiasi tabaccheria.

Il blitz vandalico ha seminato il panico fra i clochard, colti nel sonno. Molti si rintanano nella sala d'aspetto ma 'Il Conte' decide di uscire allo scoperto. La mossa si rivela immediatamente quella sbagliata. La  banda assale il malcapitato a bastonate prima di darsi alla fuga, lasciando Ettore in una pozza di sangue.

L'indomani il senza tetto racconta di essere stato aggredito da quelli con i quali dormiva, ma la Polfer scopre in fretta la verità. Le telecamere della stazione rivelano la presenza dei cinque giovani. Le indagini però non si presentano facili in quanto, come riferito dai poliziotti, i volti dei ragazzi non sono facilmente identificabili. Si punta allora a rintracciarli attraverso altri particolari come per esempio gli abiti.

Oltre alle bastonate, il branco ha afferrato un estintore e ne ha scaricato la schiuma in parte sul povero Ettore e il resto all'indirizzo degli altri clochard. Nervi, un quartiere residenziale tranquillo all'estremo levante genovese, si stringe ora attorno al 'Conte', biasimando l'operato di alcuni giovani, forse di buona famiglia, vittime della noia e dell'incapacità di indirizzare le proprie energie verso obiettivi positivi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento