menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Atto di nascita, tessera sanitaria e pediatra direttamente in ospedale: ecco come

La Liguria è la prima regione italiana ad aderire interamente al progetto "Cittadini si nasce", che consente ai neo-genitori di sbrigare tutte le pratiche burocratiche direttamente in ospedale

Iscrizione all’anagrafe, tessera sanitaria, codice fiscale e scelta del pediatra subito dopo la nascita del bambino: la Liguria è la prima regione italiana ad aderire al progetto “Cittadini si nasce”, che consente ai neo-genitori di rendere la dichiarazione di nascita direttamente in ospedale e attivare così l’iter per ottenere tutti i certificati necessari, saltando le lunghe code agli sportelli e bypassando le trafile burocratiche.

Grazie alla collaborazione tra i diversi enti, la ricezione della dichiarazione di nascita presso gli ospedali permetterà l’immediata registrazione all'Anagrafe, l'assegnazione del codice fiscale e l’iscrizione al Servizio sanitario del neonato. A questo punto sarà possibile la scelta del pediatra direttamente in ospedale o, in alternativa, presso le sedi del proprio distretto sanitario: l’importante è inviare la dichiarazione di nascita entro 3 giorni dal parto.

«Oggi rendiamo omogeneo questo servizio da ponente a levante, mettendolo a disposizione di tutti i neo genitori che hanno un figlio in Liguria - ha detto soddisfatta la vicepresidente della Regione e assessore alla Sanità, Sonia Viale - mamma e papà non dovranno più doversi spostare da un ufficio all’altro, ma potranno ottenere il codice fiscale del loro bimbo e scegliere il pediatra direttamente in ospedale. Voglio ringraziare l’Agenzia delle Entrate, Anci, Federsanità e gli Ordini provinciali dei medici che hanno collaborato attivamente per estendere questo progetto, mettendo al centro dell’attenzione la persona, in questo caso anche la famiglia, con le sue necessità».

«Prosegue il percorso di integrazione socio-sanitaria per agevolare il cittadino sul territorio - ha aggiunto Luigi Carlo Bottaro, presidente di Federsanità Anci Liguria e direttore generale Asl3 Genova - Un percorso che era stato avviato in via sperimentale a Genova e che oggi viene esteso su tutto il territorio ligure. Si tratta un importante esempio di collaborazione e condivisione dei percorsi burocratici tra istituzioni ed enti finalizzato ad agevolare la vita delle persone e nello specifico, come in questo caso, a rendere più semplice l’entrata nella società del nuovo nato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento