rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Gli agricoltori contro Bucci: "Portare i cinghiali fuori città? Poco rispetto e senso della realtà"

La Confederazione italiana agricoltori (Cia): "Dichiarazioni irrispettose dei cittadini che 'abitano fuori città', delle attività agricole che subiscono danni, della popolazione che deve convivere con presenze ormai intollerabili e pericolose"

Le ultime dichiarazioni del sindaco di Genova Marco Bucci sull'emergenza cinghiali (a questo link la notizia) non sono piaciute alla Cia, Confederazione italiana agricoltori. 

"Cinghiali ovunque. Ma per il sindaco Bucci sarebbe sufficiente 'portarli via dalla città e rimetterli nel loro habitat'. C’è scarso senso della realtà in queste dichiarazioni e poco rispetto per chi vive fuori dal centro città - commentano Stefano Roggerone e Federica Crotti, rispettivamente presidente regionale di Cia Liguria e presidente di Cia Liguria di Levante -. Rammentiamo al sindaco che è anche sindaco della Città Metropolitana  e che dovrebbe aver chiaro l’interesse collettivo di quest’area oltre che maggior rispetto per chi subisce i danni di una presenza  incontrollata di selvatici. Rammentiamo altresì al sindaco che il suo Comune è il larga parte compreso nella zona rossa per effetto dei casi di peste suina e che la 'movimentazione' degli animali non solo è impossibile ma è vietata".

"Ricordiamo - prosegue Cia Agricoltori Liguria - che i cinghiali non possono essere spostati semplicemente perché il numero di cui si parla è oltre ogni soglia della decenza e della tollerabilità territoriale. C’è in essere una procedura di contenimento per evitare danni maggiori a causa della Pesa e - anche se sempre annunciati  ma non ancora avviati, sono previsti interventi di 'depopolamento' di non meno di 15.000/20.000 capi".

"Sarebbe utile che le diverse istituzioni, che hanno competenze e responsabilità diverse, si coordinassero mettendo in campo azioni concrete di contenimento del fenomeno, ognuno per la propria parte, anziché esternare teorie singolari - proseguono Roggerone e Crotti -. Il sindaco si coordini con la Regione che ha le competenze per agire e dia segnali concreti di interventi ad esempio valutando la possibilità di mettere a disposizione, con opportuno percorso formativo, personale della Polizia locale che possa concorrere alle catture e agli abbattimenti, segua l’esempio di altri comuni e predisponga le gabbie di cattura per dare protezione alle aree più sensibili".

"Le dichiarazioni di Bucci sono irrispettose dei cittadini che 'abitano fuori città' - concludono gli esponenti della Confederazione italiana agricoltori - delle attività agricole che subiscono danni, della popolazione che deve convivere con presenze ormai intollerabili e pericolose".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli agricoltori contro Bucci: "Portare i cinghiali fuori città? Poco rispetto e senso della realtà"

GenovaToday è in caricamento