menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Invasione di cinghiali, l'allarme degli agricoltori liguri: «Ora rischiano anche le persone»

Dopo l'aggressione a Cefalù che è costato la vita a un uomo, la denuncia di Aldo Roberto, presidente regionale della Confederazione Italiana Agricoltori: «Intervenga la Regione»

Non cattivi, però troppi e ormai onnipresenti: queste, in estrema sintesi, le parole di Aldo Roberto, presidente regionale della Confederazione Italiana Agricoltori, che in una nota ha manifestato preoccupazione per l’aggressione da parte di alcuni cinghiali ai danni di due persone a Cefalù e ha lanciato l’allarme sulla sempre più massiccia presenza degli ungulati in Liguria.

«Il tragico episodio di Cefalù riconferma come una folle gestione del patrimonio faunistico e degli animali selvatici rischi di trasformarsi da enorme disastro per l’agricoltura a problema che investe anche la pubblica incolumità”, ha fatto sapere Roberto, commentando il tragico incidente dei giorni scorsi in cui ha perso la vita un uomo di 76 anni che ha tentato di difendere i suoi cani dai cinghiali arrivati vicino alla sua abitazione: Non crediamo ai cinghiali “cattivi” - ha proseguito il presidente del Cia - pensiamo però che la loro presenza sia ormai così numerosa e sproporzionata da costituire un problema la cui soluzione non è rinviabile».

Anche in Liguria, in particolare nel Tigullio, la sovrappopolazione di cinghiali negli ultimi mesi ha destato non poca preoccupazione, complici le frequenti incursioni nei centri urbani alla ricerca di cibo e la mancanza di timore da parte degli ungulati nell’avvicinarsi all’uomo: tra Sori, dove il sindaco Paolo Pezzana aveva deliberato una battuta di caccia straordinaria per arginare il fenomeno, passando per Rapallo, Bogliasco e lo stesso capoluogo ligure, gli avvistamenti sono sempre di più, con agricoltori e contadini disperati nel vedere le coltivazioni distrutte dal oro passaggio.

«Chiediamo con forza alla Regione - è l’appello di Roberto - nella persona dell’assessore Mai, di attivarsi con urgenza facendo valere le proprie prerogative per gli interventi di emergenza , avviando subito dopo un momento di confronto fra tutte le categorie interessate e coinvolte per definire una politica di controllo dei selvatici incisiva e strutturata».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Coronavirus, gli attuali positivi tornano sopra quota seimila

  • Economia

    Contributi alle imprese, nuovo bando del Comune

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento