menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cimitero della Biacca: 68 fra cassette e feretri ancora dispersi

Trentasei colombari e quarantotto ossari sono stati oggetto del crollo: dieci sono stati ritrovati domenica, nel fiume Polcevera sono stai recuperati altri due feretri e, attualmente, quattro sono in corso di recupero

In seguito all'alluvione che ha gravemente danneggiato il cimitero della Biacca di Bolzaneto e considerato il diritto dei parenti ad avere garanzie di una sicura ubicazione dei loculi riservati ai propri defunti, Mauro Muscarà (M5S) ha chiesto in consiglio comunale all'assessore competente un'informativa urgente sull'attuale sistemazione del cimitero.

Ha risposto l'assessore Elena Fiorini. «I 150 mila euro previsti per il cimitero della Biacca sono destinati al consolidamento della galleria, che è transennata. Il cimitero è stato costruito negli anni Venti - precisa Garotta -; gli ossari e i loculi interessati dal recente evento risalgono agli anni Cinquanta. C'è una situazione pregressa di transennamento, della quale ci siamo presi carico: con la delibera 9 gennaio 2014 abbiamo approvato la possibilità di spostare i loculi in questione».

«Trentasei colombari e quarantotto ossari sono stati oggetto del crollo: domenica scorsa abbiamo recuperato una decina di cassette e feretri. Nel fiume Polcevera sono stai recuperati altri due feretri e, attualmente, quattro sono in corso di recupero. In questi giorni è iniziato il procedimento di avviso alle famiglie coinvolte, cosa non semplice perchè si risale a 40 anni fa. Nel frattempo - conclude Garotta - stiamo monitorando la situazione e faremo i lavori di somma urgenza, intanto stiamo individuando gli spazi per l'accoglimento dei resti e per mettere in sicurezza cassette e feretri».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    TikTok sbarca in Liguria con la campagna #tiraccontolitalia

  • Costume e società

    Genova, quando i bambini andavano al mare con le "braghe redoggiae"

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento