menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giustiziere sui pedali, bici e telefonino sequestrati per una foto

Fotografa un'auto posteggiata sulle strisce in via Barrili. Ma i proprietari lo aggrediscono. E gli insulti continuano su Facebook

Gli hanno sequestrato la bici e il cellulare perché si era permesso di scattare una foto a un'auto parcheggiata sulle strisce pedonali. La disavventura del ciclista in via Barrili a San Fruttuoso. «Stavo pedalando quando ho visto quella macchina ferma proprio sulle strisce - racconta il malcapitato -. Volevo fare una foto e denunciare il malcostume ma in quel momento i proprietari della macchina mi hanno strappato di mano il cellulare e si sono presi anche la mia bici e i miei occhiali», continua il ciclista. «Ho protestato ma quelli mi hanno apostrofato con male parole, gridandomi contro che avrei dovuto farmi gli affari miei».  

La lite è andata avanti per un quarto d'ora poi gli aggressori hanno desistito, riconsegnato la bicicletta e gli altri oggetti sequestrati e sono andati via sgommando.  

Poco dopo è arrivata in via Barrili una volante della polizia chiamata da alcuni passanti che avevano assistito al diverbio. L'aggressione verbale è continuata sulle pagine di Facebook dove il ciclista ha raccontato la sua disavventura. "Sei un infame" ha commentato un "amico" del ciclista, "Ma non avevi altro da fare?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento