Cronaca Centro Storico / Via San Donato

San Donato, i vandali si accaniscono contro la chiesa

Dopo il palazzo dei Rolli è toccato alla chiesa del centro storico, risalente al XII secolo: scritte nere sulle colonne contro la polizia e inni alla "rivoluzione"

Dai bombardamenti navali del 1684 alle bombolette spray del 2017. È sopravvissuta persino alle bombe della Seconda Guerra Mondiale, la chiesa di San Donato, ma non aveva ancora fatto i conti con la movida contemporanea e la pittura a spruzzo. 

Nella notte tra sabato 11 e domenica 12, alcuni "writers" hanno imbrattato di scritte nere le colonne della basilica di via san Donato risalente al XII secolo. La pietra calcarea, che sorregge la tipica facciata in stile romanico genovese, è stata sporcata con frasi sconnesse e prive di senso: alcune ingiurie contro la polizia, qualche inno alla rivoluzione e due inmancabili "smile", specie di pittura rupestre realizzate dalla generazione Y ma senza alcun valore.

Soltanto due settimane fa la notizia dello scempio all'interno di palazzo Boggiano Gavotti. Durante la notte tra mercoledì 1 marzo e martedì 2, altri ignoti avevano deturpato il gioiello dei Rolli in via San Lorenzo. Qui armati di bomboletta spray rosa con cui hanno rovinato marmi e scalinate con scritte e graffiti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Donato, i vandali si accaniscono contro la chiesa

GenovaToday è in caricamento