Quartiere generale nella grotta, spacciatore in manette

Un giovane di 23 anni è stato arrestato dalla polizia a Chiavari dopo alcune segnalazioni in merito a un viavai sospetto all'interno del parco di Villa Rocca, chiuso per l'emergenza sanitaria

I poliziotti del commissariato di Chiavari hanno arrestato un 23enne afgano irregolare in Italia e senza fissa dimora, sorpreso a spacciare hashish a giovanissimi, molti dei quali minorenni, all'interno del parco di Villa Rocca. L'attività investigativa ha avuto origine dopo che, nei pressi del giardino botanico di Chiavari, temporaneamente chiuso per l'emergenza sanitaria, era stato segnalato un viavai di giovani dediti al consumo di droga.

Nel pomeriggio di giovedì 21 maggio 2020, durante un servizio di appostamento, gli agenti hanno verificato che effettivamente dentro il parco e più precisamente nella grotta artificiale costruita all'interno erano presenti numerosi ragazzi. È stato sufficiente attendere qualche minuto prima che gli operatori notassero uno di loro avvicinarsi al 23enne con una banconota, ricevendone in cambio un pezzo di hashish. A quel punto è scattato il controllo: 5 dei 16 ragazzi presenti, di cui 2 minori, sono stati trovati in possesso di piccole quantità di stupefacente, per un totale di circa 4 grammi, della medesima qualità e confezionati nello stesso modo, pertanto riconducibili a quello appena venduto dal giovane afgano.

I 5 consumatori sono stati segnalati in via amministrativa per la detenzione a uso personale, mentre il pusher è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della questura in attesa del rito per direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

Torna su
GenovaToday è in caricamento