Cronaca Marassi / Via del Chiappazzo

Carrozziere abbandona rifiuti pericolosi in un cassonetto, rischia denuncia penale

La scoperta è avvenuta in via del Chiappazzo. Gli agenti, grazie a un'attenta analisi dei rifiuti, hanno trovato su una delle scatole un adesivo che recava la ragione sociale di una officina della zona

Durante un pattugliamento in via Bobbio, in prossimità della scuola Da Passano, gli agenti del quarto distretto di polizia locale, quello della Media Valbisagno, hanno notato in via del Chiappazzo due contenitori Amiu, adibiti alla raccolta di materiale secco residuo non destinato alla differenziata, colmi di rifiuti speciali, quali filtri auto, cinghie di trasmissione, lampadine, candele auto, vaschette liquido motore, tergicristalli usati, contenitori di additivi motore vuoti e pieni.

I rifiuti erano evidentemente riconducibili a un'attività di autoriparazione. Gli agenti, grazie a un'attenta analisi dei rifiuti, hanno trovato su una delle scatole un adesivo che recava la ragione sociale di una officina della zona. Il personale del distretto ha quindi chiamato i colleghi del nucleo Ambiente del reparto Sicurezza Urbana, i quali hanno effettuato un sopralluogo nell'officina in questione.

Il titolare ha rilasciato spontanee dichiarazioni, di fatto ammettendo di aver commesso gli abbandoni di rifiuti pericolosi. Nel momento in cui le parole dell'uomo lasciavano evidenziare un chiaro elemento di rilevanza penale, il personale della polizia locale ha provveduto a interrompere le spontanee dichiarazioni per procedere, ai sensi di legge, a una elezione di domicilio presso il distretto di competenza.

L'interrogatorio formale procederà alla presenza degli agenti del quarto distretto e dei colleghi del nucleo Ambiente. Sequestrati i rifiuti, prove della responsabilità dell'indagato, che rischia ora, concretamente, una denuncia penale per l'abbandono di rifiuti pericolosi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carrozziere abbandona rifiuti pericolosi in un cassonetto, rischia denuncia penale

GenovaToday è in caricamento