menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Investito e ucciso a Certosa, una foto potrebbe incastrare i 2 fuggitivi

Consegnato all'avvocato della famiglia di Giuseppe Buttaro, lo scatto ritrae due uomini intenti a parlare con Jorge Wilson Ceballos Valverde, del tutto insensibili al corpo a pochi passi da loro

Uno scatto che riassume tutto l’orrore della tragedia, con il corpo ancora sul marciapiede e a pochi passi di distanza tre persone riprese di spalle, intente a parlare senza prestargli la minima attenzione: a poco più di una settimana dall’incidente che è costato la vita a Giuseppe Buttaro, il pensionato 59enne travolto e ucciso da un’auto guidata da un uomo risultato poi ubriaco e drogato, arriva una svolta nelle indagini grazie a una foto che potrebbe ritrarre i passeggeri della macchina killer, ancora ignoti alle forze dell’ordine.

Secondo l’avvocato Giuseppe Maria Gallo, legale della moglie e dei due figli di Buttaro, le tre persone immortalate potrebbero infatti essere le stesse che Jorge Wilson Ceballos Valverde, il muratore ecuadoriano di 35 anni alla guida dell’auto, stava trasportando quel giorno in via Canepari e di cui non ha ancora voluto (o saputo) fornire i nomi: consegnata allo stesso avvocato durante un sopralluogo sul luogo dell’incidente da un testimone presente sulla scena lo scorso 24 gennaio, la foto ritrae tre uomini, uno con un giubbotto bianco dalla cui tasca posteriore sinistra dei pantaloni fa capolino quella che sembra una bottiglia di birra, un altro con una giacca verde scuro e lo stesso Valverde. 

La tragedia è appena avvenuta e proprio dietro di loro giace il corpo di Buttaro, che nessuno di loro «degna di un minimo sguardo», come ha sottolineato l’avvocato Gallo, annunciando l’intenzione di presentare una denuncia per omissione di soccorso nei confronti delle tre persone a bordo dell’auto e di Valverde: «Il signor Buttaro era presumibilmente ancora in vita nel momento in cui la foto è stata scattata, l’incidente era avvenuto da pochissimo. Eppure nessuna delle persone immortalate nella foto, Valverde compreso, mostravano segni di preoccupazione o agitazione. Da qui la decisione di presentare una nuova querela, che verrà depositata in procura martedì»

E proprio in procura la squadra coordinata dal pubblico ministero Albero Lari in queste ore sta lavorando sulla foto, che insieme con le riprese delle telecamere della zona e le testimonianze potrebbe portare a rintracciare almeno due dei tre uomini a bordo dell’auto guidata da Valverde. Una delle ipotesi prese in considerazione dagli inquirenti è che Valverde quel giorno stesse lavorando abusivamente come autista, e che le persone ritratte nella foto siano passeggeri, ma «è una cosa su cui al momento non ci sono conferme», sottolinea Gallo, aggiungendo che «il nostro appello rimane lo stesso: invitiamo queste persone a consegnarsi alla giustizia. Ma siamo convinti che nulla accadrà nelle prossime ore, e dunque andiamo avanti cercando di aiutare le forze dell’ordine in ogni modo possibile».

Se dopo avere visto la foto ritenete di essere in possesso di informazioni utili, contattateci: le faremo avere alle autorità e all'avvocato della famiglia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, focolaio all'ospedale Galliera

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento