Cronaca Certosa / Piazza Errico Petrella

Certosa, residenti in piazza per una fiaccolata in ricordo di Giuseppe Buttaro

A meno di una settimana dal tragico incidente in cui ha perso la vita l'ex finanziere 59enne, investito e ucciso da un'auto guidata da un 35enne ubriaco, il quartiere si stringe intorno ai familiari

A meno di una settimana dal tragico incidente in cui ha perso la vita Giuseppe Buttaro e dalla manifestazione spontanea organizzata la sera stessa, gli abitanti di Certosa tornano in piazza per manifestare tutto il cordoglio e la solidarietà ai parenti dell’ennesima vittima di un pirata della strada.

L’appuntamento è per venerdì 29 gennaio alle 20.30 in piazza Petrella, da dove partirà una fiaccolata ricordo cui prenderanno parte anche Sara e Matteo, i due figli dell’ex finanziere 59enne investito e ucciso alla fermata dell’autobus di via Canepari da un’auto guidata da un 35enne di origini ecuadoriane, al momento dell’arresto risultato positivo all’alcol test e con tracce di droga nel sangue.

L’iniziativa è partita sul gruppo ‘Quelli che… amano Certosa’, creato proprio in seguito all’incidente, e nelle intenzioni degli organizzatori è finalizzata anche a “chiedere più sicurezza e controlli sulle nostre strade, una nuova regolamentazione sulla vendita degli alcolici e l’approvazione del reato di omicidio stradale”.

Un modo, per i residenti di Certosa, per manifestare vicinanza ai familiari di Giuseppe Buttaro, di cui ieri si sono celebrati i funerali ad Albissola, ma anche per riappropriarsi del quartiere che “continuiamo ad amare e che vogliamo migliorare nonostante le difficoltà”, come fanno sapere dal gruppo Facebook, dove l’appello da parte degli organizzatori è sempre lo stesso: “Nessuna propaganda politica, sarà un momento dedicato al silenzio, alla preghiera e al ricordo. Niente polemiche, niente grida, solo rispetto”.

E’ notizia di ieri, intanto, che Jorge Wilson Ceballos Valverde, il muratore di origini ecuadoriane al volante dell’auto che ha ucciso Buttaro, rimarrà in carcere: per il giudice per le indagini preliminari, Nadia Magrini, che ha convalidato l’arresto, ci sarebbero infatti indizi di alta pericolosità nonché la possibilità che possa ripetere il gesto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Certosa, residenti in piazza per una fiaccolata in ricordo di Giuseppe Buttaro

GenovaToday è in caricamento