Cerimonia per il nuovo ponte, ci sarà anche l'Amerigo Vespucci

Dopo le Frecce Tricolori, un'altra presenza illustre alla cerimonia per il nuovo ponte, che prende il posto del Morandi, crollato il 14 agosto 2018, causando la morte di 43 persone

La nave scuola a vela Amerigo Vespucci della Marina Militare lunedì 3 agosto parteciperà alla cerimonia di inaugurazione del nuovo ponte San Giorgio di Genova. Dopo una breve sosta alla fonda nelle splendide acque del Golfo di Palmas, Sant’Antioco, dove è impegnata nella campagna d'istruzione a favore degli allievi ufficiali della prima classe dell’Accademia Navale, la nave farà rotta verso Genova.

Al termine della cerimonia, al tramonto, l'intera città potrà apprezzare la nave scuola illuminata di tricolore come omaggio alla città anche attraverso le note musicali di alcuni brani del grande artista De Andrè, suonate al pianoforte storico della nave.

Dopo le Frecce Tricolori, un'altra presenza illustre alla cerimonia per il nuovo ponte, che prende il posto del Morandi, crollato il 14 agosto 2018, causando la morte di 43 persone.

«Genova sta per vivere 72 ore che ricorderemo per sempre - ha detto il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti intervento venerdì sera in apertura del concerto per Genova al teatro Carlo Felice, insieme al sindaco Marco Bucci e al sovrintendente Claudio Orazi -. È facile per chi come me ha vissuto questi due anni, da quella tarda mattinata del crollo, vicino al sindaco Marco Bucci e alle tante persone che sono in sala questa sera, ricordare tutto quello abbiamo vissuto. Mi ricordo quella tarda mattinata, mi ricordo la prima volta che sono entrato al San Martino e ci ricordiamo tutti le lacrime in piazza De Ferrari quando Regione organizzó il primo grande raduno che ci ha visti tutti insieme per piangere le nostre vittime e per parlare del futuro. Tra l'altro era appena nato Pietro, il primo bimbo nato dopo quella tragedia da chi a quella tragedia era sopravvissuto. Stasera ricordare le vittime, i loro familiari, i sopravvissuti e chi li piangerà per sempre non vuol dire parlare del passato ma vuol dire parlare del futuro perché non si costruisce il futuro senza due parole chiave: una è giustizia, perché abbiamo bisogno di sapere il perché sia successo e di chi sia la responsabilità. Non è un sasso che si è staccato da un monte ma è un ponte che è caduto. E un ponte non può cadere da solo - prosegue Toti -. Non cerchiamo vendetta, non l’ho mai cercata, anzi talvolta sono stato accusato da qualcuno di essere troppo timido e tiepido ma io non cerco vendetta, io sono un uomo delle Istituzioni, finché ho il voto dei cittadini, però giustizia sí. Voglio sapere e vogliamo sapere come città che cosa è successo. E poi l’altra parola che resterà indelebile, e per cui quelle 43 vittime morte con una morte assurda forse non sono morte invano e che va scolpita nelle parole della costituzione materiale della nostra regione, è mai più. Non deve più accadere che qualcuno debba piangere una vittima perché è crollato qualcosa che l’uomo ha costruito e non ha saputo manutenere. Noi abbiamo dimostrato come città che siamo ancora in piedi, l’abbiamo fatto tutti insieme, lo abbiamo fatto stringendoci attorno al nostro dolore ma lo abbiamo fatto senza farci annichilire dal dolore. Stasera condensiamo i due anni di dolore  che abbiamo passato ma condensiamo anche una gigantesca voglia di futuro che si basa su questi due pilastri: la giustizia e mai più, perché il ponte di Genova che inaugureremo lunedì non crollerà mai più».

Nel frattempo, cercando su Facebook #viadotto43, si trovano post di persone che dichiarano di "non condividere nè apprezzo lo sfarzo della cerimonia per l'inaugurazione del nuovo ponte".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lunedì 3 agosto, in occasione della inaugurazione del nuovo ponte Genova San Giorgio, la Lanterna si illuminerà con il Tricolore, vicina a Genova e all'Italia, in memoria delle vittime e inviando un rinnovato messaggio di speranza e coraggio. Venerdì 14 agosto, anniversario della tragedia che ha colpito Genova, in silenzioso rispetto delle famiglie delle vittime, 
la Lanterna si illuminerà con i colori della bandiera di San Giorgio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accensione riscadamento 2020: a Genova i termosifoni si accendono dal 14 ottobre

  • Coronavirus: chiusi h24 e sale giochi in tutta la città, i provvedimenti per le zone "rosse"

  • Coronavirus, in arrivo la nuova ordinanza per Genova

  • Covid: i confini delle nuove "zone rosse" di Genova, strada per strada, e cosa è vietato fare

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Coronavirus: in arrivo un nuovo Dpcm, sembra escluso il 'coprifuoco'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento