rotate-mobile
Cronaca Prà / Via Agostino Novella

Nuovi poveri occupano le cantine delle case popolari al Cep

In via Novella il degrado e l’abusivismo raccontato dai residenti

Hanno trovato ricovero nelle cantine abbandonate di via Due dicembre, nei fondi delle case popolari. 
Sono nuovi poveri che non hanno nemmeno accesso alle graduatorie per ricevere una sistemazione nell'edilizia comunale, eppure secondo i residenti il posto ci sarebbe: "É scandaloso e vergognoso che le classi sociali più povere e deboli debbano nascondersi nelle cantine dei palazzi Erp per sopravvivere", sbotta Dario De Giorgi, portavoce del quartiere popolare sopra a Pra'.

"Con tutti gli appartamenti sfitti e abbandonati che ci sono vedere delle persone ridotte in queste condizioni fa male al cuore, aspettiamo che le promesse della politica si trasformino in fatti".

Un comodino, un letto di fortuna e qualche oggetto personale appoggiato sopra: "Vivono alla luce di lanterne a gas in mezzo all'immondizia - continua De Giorgi - è anche un pericolo alla sicurezza di tutti". 

Basti farsi un giro tra i corridoi del serpentoni di condomini della via, per accorgersi di quanti rifiuti - ingombranti e non - ci siano. Da lavatrici abbandonate sui pianerottoli a materiali pericolosi accatastati tra un edificio e un altro, pochi giorni fa ha ceduto la pavimentazione nel piazzale dove giocano a palla i bambini e a ogni angolo della strada ci sono carcasse di moto e auto lasciate ad arrugginire. Per i residenti, la misura è colma e chiamano a gran voce l'amministrazione per un intervento sanificatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi poveri occupano le cantine delle case popolari al Cep

GenovaToday è in caricamento