menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestato ventenne con un panetto di hashish, la madre lo aveva già denunciato per violenze

Sorpreso dagli agenti della Polizia Locale in piazza Santo Stefano con altri due ragazzi, recentemente era stato denunciato per maltrattamenti e violenza in famiglia

Un giovane italiano di 20 anni, recentemente denunciato (e quindi sotto indagine) dalla madre per violenza e maltrattamenti in famiglia, è stato sorpreso dagli agenti della Polizia Locale con due coetanei (anche loro italiani) in possesso di un panetto di hashish in piazza Santo Stefano, sopra via XX Settembre.

I tre giovani si trovavano nei pressi della chiesa quando è arrivata la pattuglia in borghese del 1º distretto territoriale dedicata alla prevenzione dei reati e del consumo e lo spaccio di stupefacenti in centro. Quando gli agenti si sono qualificati il ragazzo ha nascosto dietro la schiena una mano, in cui gli agenti hanno poi scoperto che nascondeva 82 grammi di hashish in un unico panetto. In tasca aveva invece 182 euro in banconote di vario taglio, i probabili proventi dell'attività di spaccio.

Gli agenti hanno quindi deciso di effettuare una perquisizione domiciliare nella casa dove il ragazzo vive con il padre e la madre a Sant'Eusebio. Nella sua stanza hanno trovato 420 euro, una bella cifra per chi, come lui, risulta disoccupato. Il ventenne era già stato indagato per spaccio e, quando era ancora minorenne, era stato sottoposto a misura restrittiva da parte dei Tribunale dei Minori. In ragione della sua pericolosità sociale, la squadra della Polizia locale ha deciso di arrestarlo. Sottoposto a giudizio con rito direttissimo, dopo la convalida dell'arresto, il giudice ha deciso per lui la messa alla prova fino alla metà di gennaio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento