Sopralluoghi nelle scuole in vista del nuovo anno scolastico

Durante l'ultima riunione del consiglio comunale si è parlato anche dei centri estivi: assegnati 471 posti, pari all'80% delle domande arrivate al Comune

Alle ore 14 il consiglio comunale di lunedì 29 giugno 2020 si è aperto con le interrogazioni a risposta immediata da parte dei consiglieri alla giunta.

Gianni Crivello (Lista Crivello) ha chiesto informazioni circa l'impiego del personale docente comunale - educatori e insegnanti - per il periodo estivo e sulle azioni previste dall’amministrazione in vista dell'apertura del nuovo anno scolastico. Cristina Lodi (Pd) ha domandato quante domande, accoglibili, sono pervenute per la partecipazione ai centri estivi? Quanti posti sono stati assegnati e quanti nuclei familiari, con entrambi i genitori lavoratori, sono rimasti esclusi? E come intende procedere l’amministrazione nei casi di domande non accolte di genitori entrambi lavoratori. Infine, Stefano Bernini (Pd) ha chiesto notizie circa la disponibilità di risorse per sostenere la partecipazione ai centri estivi dei ragazzi di famiglie assistite dai servizi sociali. E ancora, se è vero che gli Ats non accolgono le domande corredate di Isee perché non avrebbero informazioni in merito alla disponibilità di risorse.

Per la giunta sono intervenuti gli assessori Balleari e Viale. «Il personale docente del Comune - ha detto Balleari - può partecipare anche quest'anno, su base volontaria, ai centri estivi per i bambini nella fascia 0-6 anni. Gli assistenti asilo nido e le insegnanti delle scuole dell'infanzia hanno espresso le loro preferenze su quali e quante settimane, fra le cinque nelle quali viene organizzato il servizio, e sulla sede. Per quanto riguarda il percorso per organizzare il nuovo anno scolastico - prosegue Balleari - si sta procedendo in questo modo: istituzione di un gruppo di lavoro in seno al coordinamento della conferenza cittadina delle autonomie, in modo che possa assumere un ruolo di regia su quegli adempimenti strutturali e organizzativo gestionali necessari per la partenza del nuovo anno scolastico. Sono in corso sopralluoghi nei plessi scolastici per presentare dei piani operativi riguardo la capienza e la mensa. Circa il numero delle domande presentate per i centri estivi: sono state 593 per la fascia di età 0-6 anni, sono stati assegnati 471 posti, pari all’80%. I nuclei familiari con due genitori lavoratori sono 345 e di queste sono 31 le domande non accolte. Stiamo osservando un tasso di rinuncia pari al 10%. Sulla base di queste indicazioni e con tutte le cautele organizzative del caso, l’intenzione è di dare risposta affermativa a tutte le domande, anche nelle sedi richieste».

«Circa la richiesta del consigliere Bernini - ha detto l'assessore Giorgio Viale - comunico che Regione Liguria il 26 giugno ha inviato il decreto definitivo circa il riparto dei fondi stanziati dal governo e ha destinato per il Comune di Genova 1 milione e 600 mila euro da destinare agli enti gestori per effettuare in sicurezza i centri estivi e assicurarne la partecipazione ai ragazzi provenienti da famiglie fragili. Non è vero che gli Ats non accoglievano le domande: non avevamo ancora tutti gli elenchi degli enti gestori in quanto questi hanno dovuto adeguarsi alle linee guida, in continua evoluzione, del Ministero».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

Torna su
GenovaToday è in caricamento