menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centrale del latte: lavoratori in piazza, le immagini dello sciopero

Venerdì 7 settembre i lavoratori della Centrale del latte di Fegino sono nuovamente scesi in piazza De Calboli per protestare contro la sempre più imminente chiusura dell'impianto

Genova - Oggi, venerdì 7 settembre, i lavoratori della Centrale del latte sono scesi di nuovo in piazza per difendere il proprio lavoro.

Come è noto ormai, lo stabilimento di Fegino è a rischio chiusura per via delle scelte strategiche di Lactalis, la multinazionale francese che l'ha acquistata l'anno scorso, e che farebbe perdere il lavoro a tutti i 63 dipendenti della Centrale (la migliore delle ipotesi, sostengono i lavoratori "sarebbe la prospettiva di una cooperativa di facchinaggio e dell'outplacement, comunque riservata a pochissimi di loro).

E così, per protesta, lo sciopero di venerdì che ha riunito tutti i dipendenti della centrale a Fegino, rappresenta una delle tante manifestazioni inserite nel "pacchetto" di 60 ore di sciopero dei lavoratori della Centrale. Nessun disagio in ogni caso al traffico, con la protesta pacifica in piazza De Calboli a Fegino, qualche tir parcheggiato, striscioni, bandiere e soprattutto molta preoccupazione sul volto dei dipendenti, radunati di fronte all'entrata principale della Centrale.

Il prossimo appuntamento è fissato per il 21 settembre quando al Ministero dello Sviluppo Economico "si spera ci siano delle proposte economiche o industriali utili a risolvere la crisi e a dare continuità lavorativa ai 63 dipendenti della Centrale". Altrimenti, recita il volantino: "il 3 di ottobre arriveranno le lettere di mobilità e di fatto il licenziamento per tutti i lavoratori".

La richiesta dei manifestanti è chiara: «All'Azienda chiediamo di abbandonare questa posizione rigida ed ottusa e di convocare Istituzioni e Sindacato per rimuovere quegli ostacoli che permettono di trovare delle soluzioni alternative, fattive e reali e di salvaguardia vera dei posti di lavoro. Alle Istituzioni locali domandiamo di impegnarsi concretamente costruendo e ricercando progetti seri e affidabili, facendosi capofila e cabina di regia con Sindaco e Presidente della Regione per la soluzione della vertenza».

Infine, a questo proposito: «Chiediamo che partecipino come delegazione all'incontro del 21 settembre al Mise, agendo nei confronti del Ministero dello Sviluppo Economico, affinchè si faccia parte attiva nei confronti di Lactalis».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento