Panni stesi che gocciolano nel giardino, 4 anni di battaglia legale

Il giudice è stato chiamato a decidere a proposito della possibilità da parte di un condomino di Albaro di stendere i panni sul proprio balcone. Il vicino sottostante si era lamentato per lo sgocciolamento delle lenzuola nel suo giardino

Le liti di condominio sono sovente state oggetto di una nota trasmissione televisiva, che si occupa, attraverso l'ausilio di un giudice, di dirimere le controversie. Ma stavolta invece le parti in causa hanno preferito rivolgersi a un tribunale tradizionale.

Il giudice del foro di Genova è stato chiamato a decidere a proposito della possibilità da parte di un condomino di Albaro di stendere i panni sul proprio balcone. Il vicino sottostante si era lamentato per lo sgocciolamento delle lenzuola nel suo giardino fino a portare la sua protesta davanti alla giustizia.

Il processo civile, nei quattro anni di durata, ha visto alternarsi in aula quattro testimoni e cinque avvocati. Ma alla fine il giudice ha negato i risarcimenti da migliaia di euro richiesti da entrambe le parti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sentenza, che si rifà al regolamento di condominio, prevede che l'inquilino possa continuare a stendere sopra il giardino, purché non superi il confine del proprio balcone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

  • Come distinguere una vipera, e cosa fare in caso di morso

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

  • Spiagge, da sabato si apre: segnaposti e app per regolare gli accessi

Torna su
GenovaToday è in caricamento