rotate-mobile
Cronaca Castelletto / Viale Bottaro Giuseppe Alberto

Castelletto, la frana dimenticata di viale Bottaro

Residenti in rivolta nella piccola traversa di via Bertani per le condizioni della strada che confina con i locali della funicolare di Sant'Anna, invasa da massi e detriti

«La situazione è così ormai da più di un anno, ma negli ultimi tempi, con le piogge, è peggiorata»: questa la denuncia dei residenti della parte bassa di viale Bottaro, la traversa di via Bertani che corre accanto ai binari della funicolare di Sant'Anna.

Nella zona, a pochi passi dall'ingresso inferiore dell'istituto Deledda, parte della strada è franata, portandosi dietro massi e detriti che bloccano l'entrata di locali che sarebbero di proprietà di Amt: un problema che si trascina ormai da oltre un anno, e che ha incominciato a esasperare chi ogni giorno ci passa davanti con il timore che possa peggiorare.

«Abbiamo più volte chiesto un intervento, ma ancora nulla è successo - ci spiega una residente che non senza difficoltà riesce a manovrare lo scooter parcheggiato proprio nel rettangolo di asfalto lasciato libero dalla frana - Si sono limitati a transennare la zona e a lasciare le cose come stanno, forse perché i locali ormai non sono più utilizzati». E in effetti la struttura, che prima ospitava un circolo ricreativo, è ormai chiusa e in disuso da tempo, ma al di là della questione "estetica", la preoccupazione degli abitanti della zona riguarda soprattutto il maltempo e le piogge, che potrebbero ulteriormente aggravare la situazione in una via dove c'è già carenza di parcheggi e le auto faticano a transitare. La speranza adesso è che Comune e Aster si decidano a intervenire, anche per evitare eventuali problemi con la tubatura del gas che passa proprio sotto la frana.

Massi e detriti, la frana dimenticata in fondo a viale Bottaro - FOTO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelletto, la frana dimenticata di viale Bottaro

GenovaToday è in caricamento